L'equipaggio dell'imbarcazione Bangherang con il guidone di Artemare Club

Il 45esimo trofeo Campionato Invernale di Vela di Cala Galera

Sport

06/11/2021 - 16:19
slam
slam

Si, quest'inverno le tante barche del campionato del Circolo Nautico e della Vela di Cala Galera - sponsor Garmin, nelle loro regate offshore bisettimanali fino a marzo del prossimo anno, solcheranno il mare dell'Argentario e delle sue isole per conquistare il 45 esimo trofeo ma andranno anche alla scoperta "dell'isola che non c'è" dell'Argentario tra Giglio e Giannutri.

E' quanto proposto  a tutti gli equipaggi delle imbarcazione iscritte al Coppa dal comandante Daniele Busetto di Artemare Club, nel briefing  di apertura  tenuto sabato 6 novembre e baciato dal sole di una splendida giornata quasi primaverile, con anchevottime condi meteomar, nelle dipendenze esterne della splendida club house del CNVA, alla presenza del suo presidente Claudio Boccia e del vice presidente Maurizio Belloni, del direttore sportivo Alberto Morici, del segretario Fabio Andreuccetti e delle bravissime collaboratrici del Circolo,  con il presidente della giuria Maurizio Giannelli che coordina  gli ufficiali di gara Agnese Gargiulo, Mimosa Fontana, Carlo Garaglia e Vichi Mauro.  Informazioni sulla misteriosa isola si possono leggere su Wikipedia alla voce "Isola di Zanara" e sui tanti articoli in rete scritti dal proponente della ricerca.

Il presidente del CNVA Claudio Boccia con lo staff del Circolo e i giudici di gara del 45esimo Campionato Invernale di Vela
Il presidente del CNVA Claudio Boccia con lo staff del Circolo e i giudici di gara del 45esimo Campionato Invernale di Vela

Ammiraglia della flotta per la scoperta  "culturale" sarà l'imbarcazione con un nome perfetto, "Bangherang",  l'urlo dei bambini sperduti  di Peter Pan e capitan Uncino, dove garrirà il guidone di Artemare Club, armatore Fabio Venturini con a bordo altri noti velisti vincitori di tante regate, Marco Emili, Massimo Salusti, Paolo Bacchelli, Paolo Citoni, Luciano Briani, Alessio Iacobellis e Ennio Curci.

Nella più antica delle 24 imbarcazioni partecipanti, Galahad, il marconi sloop d'epoca di Gerhard Niebauer ultima di sette imbarcazioni realizzate tra la fine degli Cinquanta e i primi degli anni Sessanta per la Royal Navy - dove pare abbia veleggiato anche il principe Carlo d'Inghilterra durante la sua formazione come ufficiale di marina - sventolerà anche quest'anno l'insegna del Rotary Club Monte Argentario, sodalizio sempre più presente negli ambienti di mare e di yachting grazie all'interessamento di Agnese Gargiulo che è membro del consiglio nazionale CKWI - Classe Kiteboarding riconosciuto dalla FIV.

Buon vento e buona scoperta dell'isola misteriosa dell'Argentario alle tante belle vele che si potranno ammirare a lungo nel mare del famoso Promontorio e delle sue isole fino a marzo 2022, per il 45esimo anno grazie al Circolo Nautico e della Vela Argentario!

Agnese Gargiulo e l'insegna del Rotary Club Monte Argentario con l'armatore di Galahad
Agnese Gargiulo e l'insegna del Rotary Club Monte Argentario con l'armatore di Galahad

PREVIOS POST
Al via domenica a Chioggia il Campionato invernale d'altura
NEXT POST
The Italian Sea Group investirà 14 milioni per capacità produttiva