Gli equipaggi della Rigasa 'segnati' da un meteo difficile

Gli equipaggi della Rigasa 'segnati' da un meteo difficile

Gli equipaggi della Rigasa "segnati" da un meteo difficile

Sport

12/09/2022 - 13:40
advertising

“Segna il vento” è stato lo slogan scelto dal Circolo Velico Riminese per la nona edizione della Rigasa.
L’invito era rivolto agli equipaggi ma la situazione si è capovolta ed è stato il vento ed un meteo imprevedibile a “segnare” le 22 barche partite venerdì 9 settembre alle ore 15.00 dal porto di Rimini.

Il meteo si è presentato, infatti, con dati sempre diversi ad ogni aggiornamento creando negli equipaggi una situazione di incertezza su quanto avrebbero incontrato lungo le 170 miglia del percorso.

A segnare le sorti di molti equipaggi è stato unfronte temporalesco con vento fino a 52 nodi che ha colpito la flotta dopo il tramonto di venerdì, quindi a poche ore dalla partenza.

Moltebarche hanno riportato gravi danni alle vele ed hanno fattorientro a Rimini, mentre il resto della flotta si è diretta verso il primo waypoint della Gagliola.

La discesa verso l’isola del Sansego si è svolta durante la prima parte della giornata di sabato 10 dove il poco ventodel pomeriggio ha portato altre imbarcazioni, che sarebbero sicuramente rientrate fuori tempo massimo,alla decisione del ritiro.

La rotta verso il traguardo di Rimini si è presentata con salti di vento, che gli equipaggi hanno definito “assolutamente inspiegabili”, ed altri temporali che hanno costretto i prodieri a continui cambi di vele.

Ancora una volta la Rigasa si presenta come una regata mai scontata ed estremamente tecnica.

La prima barca a tagliare il traguardo è stata QQ7, il FARR 53 di Salvatore Costanzo, alle ore 23.44 e 45 secondi di sabato 10 settembre, dopo aver dominato la testa della flotta per tutta la regata.

Gli altri arrivi si sono svolti nella giornata di domenica 11 settembre:

Colombre – JPK – di Massimo Juris – taglia alle ore 05:29 e 28”

Columbia – SOLARIS 36OD – di Andrea Agostini – taglia alle ore 06:41 e 29”

Super Atax – prototipo – di Marco Bertozzi - taglia alle ore 06:43 e 35”

Mr Hyde – Hyde 27 – di Marco Rusticali – taglia alle ore 07:59 e 04”

Harahel – GS 40 Race – di Andrea Boscolo - taglia alle ore 08:17 29”

Renoir – GS 40 – di Mario Pellegrini - taglia alle ore 13:55 e 02”

Sonia – GS 40 Race – di Gianluca Celeprin – taglia alle ore 15:36 12”

Le classifiche:

Classe Bravo Libera
1° Mr Hyde di Marco Rusticali
Classe Charlie Libera
1° Colombre di Massimo Yuris
2° Columbia di Andrea Agostini
Classe Delta Libera
1° Harahel di Andrea Boscolo
2° Renoir di Mario Pellegreni
3° Sonia di Gianluca Celeprin
Classe Foxtrot Libera
1° Super Atax di Marco Bertozzi
Classe Maxi Libera
1° QQ7 di Salvatore Costanzo

ORC X 2
1° Colombre di Massimo Yuris
2° Mr Hyde di Marco Rusticali
3° Sonia di Gianluca Celeprin

ORC Equipaggio
1° QQ7 di Salvatore Costanzo
2°Super Atax di Marco Bertozzi
3° Columbia di Andrea Agostini
4° Harahel di Andrea Boscolo
5° Renoir di Mario Pellegrini

 

PREVIOUS POST
The Italian Sea Group presenta il progetto Panorama
NEXT POST
La prima regata che omaggiava le Capitali della Cultura 2023