J/70 Italian Class: tra J/70 Cup e J/70 Corinthian World Cup

J/70 Italian Class: tra J/70 Cup e J/70 Corinthian World Cup

J/70 Italian Class: tra J/70 Cup e J/70 Corinthian World Cup

Sport

01/02/2023 - 17:08

Nel decimo anno di attività la J/70 Italian Class si regala una stagione piena: alle quattro frazioni della J/70 Cup, che vedranno Viva di Alessandro Molla come campione uscente, si aggiunge infatti la J/70 Corinthian World Cup, prima edizione di un appuntamento che, a inizio giugno, radunerà a Riva del Garda una flotta ancor più numerosa rispetto a quella record registrata la scorsa stagione in occasione della frazione conclusiva del circuito, ospitata dalla stessa Fraglia Vela Riva.

L'evento, assegnato all'Italia dalla J/70 International Class, sarà riservato a tutti gli equipaggi Corinthian (composti, quindi, da velisti classificati come non professionisti) e metterà in palio alcuni posti per l'attesissimo J/70 World Championship 2024 di Palma di Maiorca.

La scelta della J/70 International Class aggiunge un nuovo capitolo alla collaborazione con J/70 Italian Class, sin dalla costituzione segnalatasi come una delle più attive a livello internazionale. A parlare sono i numeri registrati a ogni tappa della J/70 Cup, che si conferma di anno in anno come il circuito più frequentato, e dall'assegnazione di eventi come il J/70 World Championship 2017 (Porto Cervo), cui presero parte oltre 170 equipaggi, e dei J/70 European Championship del 2014 (Riva del Garda) e del 2018 (Malcesine), dove gli iscritti furono 120. Senza dimenticare che l'appuntamento con l'Europeo si rinnoverà il prossimo anno, con l'organizzazione dello Yacht Club Punta Ala.

La Corinthian World Cup irromperà a metà del calendario della J/70 Cup, la cui tappa di apertura è in programma a Porto Ercole tra il 14 e il 16 aprile grazie all'organizzazione del Circolo Nautico e della Vela Argentario. Per la Classe si tratterà di un ritorno sul campo di regata antistante la spiaggia della Feniglia, dove nel 2018 a conquistare il successo fu Enfant Terrible-Adria Ferries di Alberto Rossi.

Fedele alla tradizione, la J/70 Cup non mancherà di far visita all'Adriatico: la seconda tappa (12-14 maggio) è stata infatti affidata allo Yacht Club Rimini, la cui collaborazione con la J/70 Italian Class è iniziata nel 2021, con la vittoria di tappa di J-Curve di Mauro Roversi, ed è proseguita nel 2022, con il successo di White Hawk di Gianfranco Noè.

J/70 Italian Class: tra J/70 Cup e J/70 Corinthian World Cup

A metà luglio, un mese e mezzo dopo la CWC di Riva del Garda, si tornerà a incrociare le prue per la J/70 Cup: per agevolare la partecipazione di un numero consistente di equipaggi, il management della classe ha puntato su Malcesine e sulla locale Fraglia Vela, assente dal calendario dal 2021, quando a farla da padrone era stato il DAS Sailing Team di Alessandro Zampori.

Per la chiusura di stagione, e scoprire il nome del nuovo campione della J/70 Cup, bisognerà aspettare la terza settimana di ottobre, quando la flotta sarà di scena per la prima volta al Circolo Vela Erix di Lerici dove verrà anche assegnato il titolo di Campione Italiano J/70.

"Grazie all'ottimo lavoro svolto a livello di programmazione dalla nostra segreteria, guidata da Giulia Albuzio e Giulia Grosselli, abili nell'attivare nuove sinergie e nel rilanciare rapporti di vecchia data, la J/70 Cup 2023 porterà con sé gradite conferme e assolute novità. Torneremo infatti allo Yacht Club Rimini, che da alcune stagioni collabora con la classe e ha organizzato due tappe molto competitive, alla Fraglia Vela Malcesine e al Circolo Nautico e della Vela Argentario, dove manchiamo da cinque anni. Grande è l'attesa in vista della trasferta al Circolo Vela Erix di Lerici, scelta come sede della frazione conclusiva, valida anche come Campionato Italiano: sarà la prima volta che la flotta avrà modo di incrociare nel Golfo dei Poeti. Ci tengo a ringraziare i circoli, perché buona parte della riuscita di un evento dipende da loro e dalla disponibilità di tutti i soci e i volontari degli stessi: come partecipanti godiamo del meglio in fatto di ospitalità, ignorando sovente quanti sforzi vengano messi in campo per garantirci competizione e divertimento. Come sempre capita, in fase dei costruzione della stagione abbiamo risolto alcune problematiche anche grazie alla collaborazione tra le varie classi one design e al desiderio di fare il meglio per l'intero movimento. La qualità del lavoro svolto dalla J/70 Italian Class, il cui gruppo di lavoro è ormai rodato e conta su professionisti di livello come Luca Babini, Egidio Babbi e Zerogradinord, è certificato non solo dai numeri registrati in ogni tappa, ma anche dalla scelta della J/70 International Class di affidarci l'organizzazione della Corinthian World Cup, una prima mondiale riservata agli equipaggi non professionisti che sarà senza dubbio l'evento one design del 2023, sia per prestigio che per entry list, e che metterà in palio delle Wild Card per il Mondiale di Palma del 2024" spiega Federico Siragna, che si prepara a festeggiare il primo anno alla guida della J/70 Italian Class.

PREVIOUS POST
47° Invernale del Tigullio verso la chiusura: lotta per i titoli 2023
NEXT POST
La vela inclusiva a gonfie vele tutto l'anno a Lignano Sabbiadoro