Musto presenta Evening The Keel: un viaggio nella storia della vela oceanica al femminile

Musto presenta Evening The Keel: un viaggio nella storia della vela oceanica al femminile

Musto presenta Evening The Keel: un viaggio nella storia della vela oceanica al femminile

Accessorio

Da Musto
16/05/2024 - 14:30
advertising

Il 17 maggio 2024, Musto presenterà il primo episodio della sua docu-serie in quattro partiEvening The Keel, con alcune delle più famose veliste che condividono le loro riflessioni sulle performance ai massimi livelli di quello che è ancora uno sport prevalentemente maschile. Prodotta da Musto e sostenuta da World Sailing (l'organismo di governo della vela internazionale), la serie affronta temi come la diversità all'interno dei team, la capacità di conciliare la carriera di velista oceanica con la maternità e le opportunità di evoluzione. La docu-serie andrà in onda a livello mondiale sui canali terrestri e digitali del World Sailing Show e sui canali digitali di Musto.

"La serie Musto Evening the Keel celebra l'incredibile lavoro delle nostre ambasciatrici che, attraverso le loro azioni, promuovono la voce femminile nella vela, condividendo le loro esperienze per aiutare le generazioni attuali e future a beneficiare di una maggiore equità in questo sport", ha dichiarato Emmie Brown, Head of Brand Marketing and Communications di Musto. "A due anni dalla nascita dell'idea, siamo molto orgogliosi di proporre questa serie in quattro parti a un pubblico più ampio. Continueremo a sostenere le veliste nel loro campo di competenza e continueremo ad adattare l'abbigliamento Musto alle esigenze specifiche delle veliste".

Tracy Edwards MBE, skipper del primo equipaggio interamente femminile della Whitbread Round the World Yacht Race a bordo di Maiden nell'edizione 1989/90, è sia presentatrice che partecipante e mette in discussione la situazione della vela oceanica: "Alcuni dicono che la nostra campagna Maiden sia stata la vera spinta per dare alle donne le stesse opportunità degli uomini nel mondo della vela offshore. Ma a distanza di oltre 30 anni, quanta strada abbiamo effettivamente percorso?".

Sam Davies, Clarisse Crémer, Justine Mettraux, Rosalin Kuiper, Francesca Clapcich, Pamela Lee e la psicologa della gestione organizzativa Anje-Marijcke Van Boxtel condividono le loro esperienze personali e confrontano le loro speranze per il futuro della vela, proponendo una visione equa ed equilibrata della situazione attuale: "Tutti lavorano per la diversità e l'uguaglianza, ma è un processo lento", ha detto la skipper di Initiatives Cœur, Sam Davies. "Stiamo cercando di recuperare il ritardo accumulato, quindi non si può imporre un rapporto di 50:50".

Clarisse Crémer ha concluso al 12° posto il Vendée Globe 2020 e poi si è fermata per avere un figlio. Da quando è tornata a praticare questo sport come skipper di L'Occitane en Provence, Clarisse ha vissuto gli ultimi due anni sulle montagne russe, e per le ragioni sbagliate: "Nessuno è ufficialmente contrario al fatto che le donne possano farcela: avere un figlio e partecipare alla Vendée Globe o avere obiettivi professionali molto ambiziosi", ha detto Crémer. "Ma a volte bisogna tenere conto della specificità della gravidanza e organizzare le cose in modo che sia fattibile, e questo non è un fatto condiviso da tutti. Ho deciso di iniziare a parlare di questo argomento complesso perché non ero pronta a immaginare che tra vent'anni il mondo sarebbe stato esattamente lo stesso per la mia bambina".

La franchezza delle veliste nel discutere i problemi che affrontano è sincera e fonte di ispirazione. Francesca Clapcich, che ha partecipato a regate olimpiche offshore e che oggi è impegnata in una campagna per migliorare l'equità e la diversità ha dichiarato: "Quando sono a bordo mi sento semplicemente come un'altro velista. So che non mi vedono come un elemento di debolezza o come 'Francesca è la velista donna a bordo', sono solo una velista". 

La docu-serie sarà inclusa nel World Sailing Show, la serie internazionale ufficiale della federazione mondiale della vela, in onda sui canali di tutto il mondo.

DATE DEGLI EPISODI IN DIRETTA

Episodio 1: Donna velista - 17 maggio
Episodio 2: Diversità o cloni - 24 maggio
Episodio 3: Madre o velista - 31 maggio
Episodio 4: Il cambiamento e le opportunità - 7 giugno

Musto ha affidato a Wanderlust Action Films la produzione della serie, che si avvale della collaborazione di una regista e di un operatore donna. Con analogie con lo sport della vela, la sua fondatrice Ellie Cartwright ha commentato: "Sento che è mio dovere, in quanto donna di successo in un campo largamente dominato dagli uomini, sostenere più donne in questa carriera e aiutarle nel loro percorso". 
In qualità di marchio leader nel settore dell'abbigliamento da vela, Musto ha lavorato a stretto contatto con molte veliste oceaniche e olimpiche di alto livello nel corso dei suoi 60 anni di storia. Dal sostegno a Dame Ellen MacArthur nel suo tentativo di record del giro del mondo in solitario nel 2005 alla squadra del British Sailing Team, composta da 60 velisti.

"A tutti i livelli e in tutte le specialità della vela, abbiamo concepito il nostro abbigliamento tenendo conto delle forme femminili. Dalle nostre gamme offshore di fascia alta, come HPX e MPX, ai prodotti da regata inshore, come LPX e Flexlite, oltre ai nostri capi di uso quotidiano, come BR2, BR1 e la gamma Championship", ha spiegato Brown.

Un esempio del processo di progettazione focalizzato sulle donne di Musto è stata la collaborazione con la velista oceanica Sam Davies, che ha testato i prototipi dell'ultima gamma HPX, sviluppando i pantaloni drop-seat, gli strati intermedi unisex con aperture drop-seat, che funzionano perfettamente con gli strati esterni HPX. Inoltre, Musto ha lanciato la nuova gamma Flexlite Cooling, sviluppata con il feedback delle veliste del British Sailing Team: "Siamo stati attenti ai colori e ai rivestimenti del long john Flexlite Cooling per garantire che le veliste possano gareggiare in tutta tranquillità con il ciclo mestruale. Si è tenuto conto di ogni dettaglio per aiutare le donne a navigare al meglio", ha concluso Brown. 

 
PREVIOUS POST
Giani: Alessandro Rosselli nuovo segretario Autorità Portuale Regionale Toscana
NEXT POST
Al via Blue Design Summit: La Spezia al centro del settore dei superyacht