patente nautica

patente nautica

Patente nautica, la svolta: esperti velici nelle liste d’esame

Servizio

11/06/2020 - 17:32
advertising

Per la prima volta una Capitaneria di Porto inserisce all’interno delle liste d’esame la figura degli esperti velici che provengono dalle scuole nautiche. A fare da apripista in questa svolta epocale, è la Guardia Costiera di Roma, agli ordini del comandante Antonio D’Amore, che ha inserito queste figure nelle liste degli esaminatori per le patenti nautiche.

Ad annunciarlo è Adolfo D’Angelo, segretario nazionale della sezione nautica della Confarca, il quale afferma che “è stata recepita finalmente questa normativa anche dalle grandi capitanerie, che adesso andranno oltre la discriminazione della Lega Navale che escludeva dalle loro liste la presenza degli istruttori provenienti dalle scuole nautiche”.

L’esperto velista, ricorda D’Angelo, è designato dalla Lega Navale e dalla Federazione Italiana Vela, venendo a creare – nel caso della selezione di Lega Navale – “una discriminazione tra i suoi iscritti e quelli provenienti dalle scuole nautiche, perché a questi ultimi veniva privata la possibilità d’essere inseriti nelle liste degli esaminatori per la patente nautica da cui attingono le Capitanerie di Porto e le motorizzazioni italiane”.

Un ostacolo che è stato aggirato grazie alla Confarca e che andava a penalizzare parte degli esperti velici e che, “nonostante fosse già stata chiarita da tempo dalla Direzione Generale dei Trasporti Marittimi, le Capitaneria e le Motorizzazioni faticavano a recepire”, ricorda D’Angelo.

“Finalmente la Capitaneria di Porto di Roma ha inserito per la prima volta queste figure nelle liste degli esaminatori per le patenti nautiche – conclude D’Angelo - Auspico che adesso Lega Navale riveda la sua politica che danneggia gli esperti provenienti dalle scuole nautiche, e completi la lista con tutti i nominativi degli esperti velici da loro brevettati”.   

advertising
PREVIOS POST
ALIS - audizione in Commissione Trasporti sul Decreto Rilancio
NEXT POST
Vela olimpica: il punto del Direttore Tecnico FIV Michele Marchesini