Il podio Europeo

Il Campionato Europeo 2021 della classe RS21 a Malcesine

Sport

24/10/2021 - 18:22
slam
slam

Parla italiano il primo Campionato Europeo della classe velica RS21 disputato a Malcesine sul Lago di Garda. Un podio interamente tricolore a conferma dei grandi progressi che la classe RS21 ha compiuto in pochissimi mesi.

Il titolo continentale è andato al “Caipirinha” di Martin Reintjes (Fraglia Vela Desenzano del Garda) che ha così centrato nel giro di un mese sia il titolo Italiano che quello Europeo. Un team affiatato e competitivo composto da Giulio Desiderato, Francesco Rubagotti e Alberto Bolzan. “Caipirinha” ha vinto tre delle dodici prove disputate avendo dalla sua una marcia molto regolare che gli ha permesso di battere, nell’ordine, “Fremito d’aria” di Dario Levi (con Jas Farneti, Stefano Cherin, Fausto Surini e Paola Kirchmay) e “Beyond Freedom” di Gianluca Grisoli (con Andrea Casale, Federica Salvà e Giorgio Tortarolo), entrambi con quattro successi parziali.

Nella classifica riservata ai “Corinthian” (velisti dilettanti di Gruppo 1 che non ricevono alcun compenso) successo e titolo Europeo a “Stick n Poke” l’RS21 di Federica Archibugi (con Gabriele Rosati d’Amico, Filippo Baldassari e Matteo Morellin), quinta assoluta, ad ulteriore conferma del valore della flotta italiana. Sul podio “Asante Sana” di Claudio Dutto e “Code Zero Sailing Team” di Vincenzo Liberati.

A Malcesine, con la perfetta regia della Fraglia Vela, si sono allineate in regata 23 barche provenienti non solo dall’Italia ma anche da Polonia, Francia, Germania, Olanda ed Inghilterra. Un successo, per essere alla prima edizione, che è frutto del grande lavoro svolto dalla classe italiana da febbraio 2021.

Il podio Europeo Corinthian
Il podio Europeo Corinthian

Grande la soddisfazione come si evince anche dalle parole del presidente della RS21 italian class, Davide Casetti: «Non possiamo che essere soddisfatti di questo primo campionato Europeo. L’Italia ne esce da grande protagonista non solo a livello sportivo ma anche organizzativo e di immagine. Un ruolo che anche tutti i team stranieri ci hanno riconosciuto e del quale andiamo fieri raccogliendo i primi frutti di un grande lavoro. Poi abbiamo avuto un determinante aiuto dalla Fraglia Vela Malcesine che ancora una volta ha dimostrato tutte le sue capacità organizzative. In acqua sono state dodici prove bellissime. Soprattutto le ultime con il Peler a 28 nodi che ha messo a dura prova tutti i team ma anche messo in evidenza la spettacolarità di queste barche. Infine devo aggiungere che questo Europeo è servito anche per il confronto con altre realtà, soprattutto quella polacca, con cui abbiamo già posto le basi per il futuro più prossimo e cioè la stagione 2022 che sarà anche quella con il primo Campionato del Mondo di classe».

Bilancio quindi più che positivo per la classe RS21 che ha avuto anche una piacevole visita in banchina: quella di Francesco “Checco” Bruni, timoniere di “Luna Rossa” che ha avuto parole di apprezzamento per la classe tanto che alcune barche, durante l’inverno, andranno nella sua Palermo per “clinic” dimostrativi in mare.

Infine è importante ricordare che il Campionato Europeo della classe RS21, con il Campionato Italiano disputato a Gargnano, era uno dei primi due eventi velici al mondo a zero emissioni nette.  La classe italiana RS21 vuole infatti fortemente continuare su questa linea sostenibile compensando, prima al mondo nella vela, le emissioni residue di CO2. Questo grazie ad Up2You una società che certifica progetti di riforestazione e tutela dell’ambiente. Inoltre i partner del circuito sono volti alla sostenibilità come Biova Project che produce birra con il pane invenduto. Oppure One Ocean Foundation che con Guglielmi Rubinetteria hanno installato a Malcesine dei dispenser di acqua microfiltrata per tutti i concorrenti da utilizzare in apposite borracce.

Caipirinha in azione
Caipirinha in azione

PREVIOS POST
L'affascinante bellezza di Eos all'Argentario un presente di Artemare
NEXT POST
Conclusa La Cinquanta 2021 del Circolo Nautico Santa Margherita