FEVER_Marblehead Trophy

La Compagnia della Vela vince il Marblehead Trophy

Sport

29/05/2022 - 11:20
advertising

FEVER, il Dragone di Klaus Diederichs in rappresentanza della Compagnia della Vela, con a bordo, oltre all'armatore, Diego Negri - Campione del Mondo della Classe Star in carica - e Lea Jamie, ha vinto il Marblehead Trophy. Le regate si sono disputate dal 24 al 26 maggio nelle acque di Copenaghen presso il Royal Danish Yacht Club.

Il prestigioso trofeo della classe Dragone è uno dei premi più affascinanti del mondo della vela. Messo in palio da Peter Gerry, brillante immobiliarista, filantropo e senatore democratico del Rhode Island, nello stesso anno, il 1929, in cui il norvegese Johan Anker tracciava su carta l'iconico progetto della Classe Dragone. Vinto dagli svedesi a Marblehead, in Massachusetts, il Trofeo è rimasto in Svezia fino agli anni '50. Scomparso e poi ritrovato più volte, dal 1952 è conosciuto informalmente come la "Coppa Europa" dei Dragoni. Anche se i primi anni l'evento si è corso in classe Skerry, il successo e l'eleganza dei Dragoni, conosciuta come la classe dei Re, ha fatto propendere dall'edizione del trofeo svoltasi a Sandhamn del 1952, verso il cambiamento di classe che caratterizza questo antico trofeo da allora fino ad oggi.

La Coppa - il "deed of gift" del 28 agosto 1929 parla di Cup, ma sulla coppa c'è scritto Trophy - torna nelle mani di uno yacht club italiano per la prima volta dal lontano 1966, quando fu difesa nelle acque del golfo di Trieste dallo Yacht Club Adriaco. L'ambito trofeo potrà ora fare mostra di sé a fianco alla Louis Vuitton Cup, presso la sede storica di San Marco della Compagnia della Vela, nell'anno del trentesimo anniversario della storica impresa de Il Moro di Venezia.

Appuntamento nel 2023 a Venezia, quando sarà onore e orgoglio della Compagnia della Vela supportare il socio Klaus Diederichs per difendere nelle acque della Laguna l'ambito trofeo.

advertising
PREVIOS POST
Mondiale ILCA 7 Vallarta: Spadoni vince una prova
NEXT POST
Grande soddisfazione per la medaglia d'oro di Stefanie Horn