Luigia Academy Cup,
i giovani atleti di SNG e YCM brillano tra le boe del Trofeo Carpaneda

Luigia Academy Cup 2022, i giovani di YCM e SNG brillano tra le boe

Sport

08/04/2022 - 21:55
slam
slam

Scampata la minaccia di un maltempo tale da impedire lo svolgimento della giornata di apertura del Trofeo Carpaneda, gli specialisti della classe Smeralda 888 si sono ritrovati sulla linea di partenza di Alassio dove, in regime di brezza e mare montanti, si sono svolte le prime tre prove di questo evento organizzato dal Circolo Nautico Al Mare in collaborazione con il Marina di Alassio.

Una giornata più che positiva per i giovani equipaggi di Yacht Club de Monaco e Société Nautique de Genève che, dopo due giorni di coaching da parte di Mauro Pelaschier e Flavio Favini, e in attesa di contendersi la Luigia Academy Cup, destinata ad essere assegnata domani al termine di un match race alla meglio delle cinque prove, si sono confrontati tra le boe del Trofeo Carpaneda, con risultati assolutamente incoraggianti.

Non è infatti un caso che Luigia (oggi 3-1-3), lo Smeralda 888 capitanato da Guillaume Girod, giovane talento dello Société Nautique de Genève da due giorni affidato ai coach della Luigia Academy Cup, abbia chiuso la giornata al comando della classifica provvisoria, con due punti di margine su Beda (4-3-1) di Timofey Sukhotin e cinque su Monaco Plaisir (6-4-2) di Medecin Blandine. Al quarto posto un combattivo Botta Dritta (1-2-DNS) di Francesco Vauban che, dopo un avvio convincente, è stato messo fuori causa nella terza prova da un problema al timone.

Giornata costruttiva anche per i ragazzi dello Yacht Club de Monaco che, guidati tra le boe del Trofeo Carpaneda dallo skipper Bodhi Van Der Linden, hanno caratterizzato la lora performance con alcune note di merito, dimostrando di poter competere alla pari con gli equipaggi più esperti.

Domani giornata piena per gli equipaggi iscritti al Trofeo Carpaneda e alla Luigia Academy Cup: il programma prevede infatti lo svolgimento di altre regate di flotta e, a seguire, dei voli tra SNG e YCM utili ad assegnare la Luigia Academy Cup.

Luigia Academy Cup 2022, i giovani di YCM e SNG brillano tra le boe
Luigia Academy Cup 2022, i giovani di YCM e SNG brillano tra le boe

Lo Smeralda 888

Attiva da trent'anni, lo Smeralda 888 è nata dalla richiesta di un gruppo di soci dello Yacht Club Costa Smeralda a German Frers, designer argentino di chiara fama al tempo impegnato in America's Cup come progettista de Il Moro di Venezia e di Luna Rossa. Il desiderata riguardava un piccolo monotipo, da usare per sfidarsi "in famiglia" con l'armatore al timone, tra le boe dello stesso yacht club. Non a caso, come sottolinea il Segretario Generale della Classe, Marc Stevenazzi: "Scegliere lo Smeralda 888 vuol dire entrare a far parte di una 'band of brothers': lottiamo come i leoni sull'acqua, ma prima di tutto e sopra tutto, siamo legati da un'amicizia duratura e incrollabile"

Il progettista argentino, che ne fissò la misura in 888 centimetri, riprese molti degli elementi tipici di uno di alcuni suoi capolavori progettuali, tra i quali, appunto, Il Moro di Venezia, che riuscì nell'impresa di essere il primo equipaggio non anglosassone a vincere una regata di America's Cup. Un progetto riuscito, come spiega il presidente della Classe Charles de Bourbon: "Basta poca aria per cominciare a regatare e a divertirsi. Lo Smeralda 888 è vera monotipia ed è piacevolissima da timonare in tutte le condizioni".

Nel 1992, anno del lancio, partecipa alla Sardinia Cup. La classe viene costituita nel 1995 e ha subito successo: sono una quindicina gli equipaggi composti da cinque persone a scendere tra le boe di Porto Cervo. Da allora i numeri non sono variati, dato che di Smeralda 888 ne sono stati costruiti sedici, ma sono ancora quasi tutti attivi. Tanti i nomi prestigiosi che hanno navigato nella Classe, tra questi il citato Charles de Bourbon, Michael Illbruck, attuale commodoro dello Yacht Club Costa Smeralda, Cesare Fiorio, Luigi Carpaneda, Luca Bassani, Adalberto Miani, Luigi Donà delle Rose, Leonardo Ferragamo, Vittorio Codecasa, Vincenzo Onorato, Carlo Galtrucco, Giorgio Carriero, Gilberto Sandretto, Savino Formentini.

La storia della "Smeraldina" è unica, vista proprio la capacità di garantirsi una lunga esistenza e di rigenerare i propri ranghi di stagione in stagione, merito, oltre che di un progetto azzeccato, di una buona organizzazione e della passione e della qualità degli armatori che lo frequentano.

PREVIOS POST
Melges 20 World League 2022: Fremito d'Arja al comando
NEXT POST
51° Trofeo Princesa Sofia: la quinta giornata incorona Tita-Banti