Codecasa annuncia la vendita del Codecasa58 costruzione C127

Codecasa annuncia la vendita del Codecasa58 costruzione C127

Codecasa annuncia la vendita del Codecasa58 costruzione C127

Superyacht

30/03/2023 - 18:34

Codecasa, storico cantiere viareggino costruttore di grandi yacht in metallo, ha appena diffuso una nota riguardo la vendita del Codecasa58 Costruzione C127, un motoryacht di 58 metri di lunghezza la cui costruzione "speculativa" era iniziata nel 2020. Il design dello yacht è nato da una collaborazione tra il team tecnico di Codecasa e lo studio di progettazione M2 Atelier.

Costruito in acciaio con scafo dislocante veloce e prua verticale, lo scafo del C127 sarà in grado di raggiungere una velocità massima di 21 nodi grazie a due 3516E Caterpillar, con un'autonomia di 6.000 miglia nautiche a 12 nodi.

Secondo il costruttore, Codecasa 58 metri una volta varato è destinato a diventare uno degli "yacht più veloci della sua categoria" quando entrerà in acqua nel 2023.

Elegante e grintoso, come lo ha definito il cantiere, questo motoryacht sarà in grado di accogliere per la notte fino a 12 ospiti ospitati in cinque lussuose cabine e in una suite armatoriale, con ulteriori alloggi per un equipaggio di sei persone.

Fra le caratterizzazioni degli interni c'è la presenza di un ascensore che serve tutti i ponti, una piscina di 3,5 metri sul ponte sole e un beach club con un portellone a scafo, abbattibile, che con il ribaltamento si trasforma in una piattaforma da bagno.

Questo il testo della notizia diffusa oggi pomeriggio. "Cantieri Navali Codecasa sono orgogliosi di annunciare la vendita del CODECASA58 – Costruzione C127, un elegante Yacht di 58 metri di lunghezza.

La consegna di questo nuovo Yacht al suo Armatore è prevista per l'estate 2023.

La Famiglia Codecasa desidera esprimere le sue congratulazioni all' Armatore, augurandogli numerosi anni di felice utilizzo del suo Yacht."

PREVIOUS POST
TISG: consegnato il primo Tecnomar for Lamborghini 63 in Australia
NEXT POST
Assonautica Italiana: pieno sostegno al Ministro Musumeci e al CIPOM