Nature's Baton at The Ocean Race Summit Seychelles, 21 March 2021
© Freelens Productions

The Ocean Race Summit Seychelles, proteggere l'oceano

Ecologia

21/03/2022 - 19:14
torqueedo
torqueedo

L'evento, tenutosi oggi lunedì 21 marzo, ha visto la partecipazione di Wavel Ramkalawan, presidente della Repubblica delle Seychelles, Patricia Scotland, segretario generale del Commonwealth, Mia Amor Mottley, primo ministro delle Barbados e Peter Thomson, inviato speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite per l'Oceano.

Leader mondiali, ministri, velisti, scienziati e sostenitori dell'oceano si sono riuniti oggi alle Seychelles per chiedere una maggiore azione e collaborazione globale per proteggere l'oceano.

Wavel Ramkalawan, Presidente della Repubblica delle Seychelles, ha parlato della sua preoccupazione per l'oceano, del ruolo vitale che svolge nel sostenere tutta la vita sulla Terra e della necessità di unirsi per intraprendere azioni urgenti per proteggerlo: "La sopravvivenza di questo pianeta dipende dal fatto che ognuno di noi faccia squadra, proprio come fanno i partecipanti a The Ocean Race. È il lavoro di squadra che assicurerà la sopravvivenza del nostro pianeta".

Il presidente ha elogiato le donne leader nella conservazione e i giovani che si stanno impegnando per proteggere i mari. Ha anche parlato di come il suo paese sia all'avanguardia nell'azione: "Le Seychelles stanno facendo un grande passo avanti rispetto al loro peso. Piccoli come siamo, stiamo proteggendo il 30% del nostro oceano. Siamo impegnati a proteggere l'oceano, ma non possiamo farlo da soli. Chiediamo al mondo di unirsi a noi per salvare il nostro oceano e il nostro pianeta".

The Ocean Race Summit Seychelles si è tenuto nel paese per riflettere il ruolo vitale che le nazioni insulari - conosciute anche come Grandi Stati dell'Oceano - e che sono in prima linea nella crisi climatica possono giocare nel guidare la consapevolezza e l'azione. Un tema chiave che è emerso dal vertice è stata una maggiore necessità di collaborazione, con le nazioni insulari, e altri, rafforzando che da soli non possono proteggere l'oceano.

L'onorevole Mia Amor Mottley, primo ministro di Barbados, ha parlato dello sviluppo di una legislazione sull'economia blu per rivoluzionare il modo in cui Barbados si impegna con l'oceano, e ha detto: "Il nostro rapporto con l'ambiente marino non può più essere estrattivo o parassitario. Dobbiamo lavorare duro, altrettanto duro per i nostri oceani, come loro lavorano per noi. Le nostre piccole nazioni in via di sviluppo non possono farlo da sole. È tempo di guardare avanti, e questo è il decennio dell'azione, azione collettiva, azione immediata, azione individuale e infine azione globale, dobbiamo invertire la marea e sì, dobbiamo farlo ora".

The Ocean Race Summit Seychelles, 21 March 2021
© Freelens Productions

L'onorevole Patricia Scotland, Segretario Generale del Commonwealth, ha parlato di come i paesi del Commonwealth siano all'avanguardia nella protezione degli oceani e ha anche sottolineato la necessità che il mondo faccia fronte comune. Ha detto: "L'oceano sostiene la vita sulla terra, ma rimane la meraviglia naturale più sottovalutata, poco studiata e sconsideratamente sfruttata del pianeta. L'oceano è sia uno strumento vitale nella nostra lotta contro il cambiamento climatico, sia colpito in modo sproporzionato dal cambiamento climatico. Solo l'azione collettiva proteggerà l’oceano".

Danny Faure, ex presidente delle Seychelles e fondatore della Danny Faure Foundation ha detto: "Tutti noi riconosciamo e apprezziamo l'interconnessione tra l'oceano e lo sviluppo socio-economico, anzi umano. È imperativo raggiungere un equilibrio tra l'effettiva conservazione dell'oceano e lo sviluppo sostenibile delle nostre risorse marine. Bisogna fare di più per accelerare gli sforzi per proteggere la salute dell'oceano e il tempo sta per scadere. I piccoli stati insulari come le Seychelles rischiano di perdere tutto se l'azione globale non viene amplificata - i nostri mezzi di sussistenza, le nostre case e la nostra speranza di un futuro più sicuro, più giusto e sostenibile per i nostri figli e i loro."

Il Summit è stato organizzato da The Ocean Race, la celeberrima regata intorno al mondo in equipaggio, e leader nel settore della sostenibilità e 11th Hour Racing, un'organizzazione internazionale che mobilita le comunità veliche, marittime e costiere con un approccio innovativo per ispirare soluzioni per l'oceano. Tenuto in collaborazione con la Danny Faure Foundation e ospitato dalla Repubblica delle Seychelles, il vertice ha cercato di affrontare la mancanza di governance e protezione per i nostri mari, l'impatto del cambiamento climatico sull'oceano e la possibilità che all’oceano vengano riconosciuti dei diritti.

Rivolgendosi al vertice, Richard Brisius, presidente di The Ocean Race, ha detto: "Come velista ho questo legame speciale con l'oceano. Lo sport della vela apprezza il fair play e regole giuste, ma non c'è fair play per l'oceano. Abbiamo bisogno di una governance e di una gestione più nitida, che possiamo creare attraverso una Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Oceano - un set di regole che permetta all'oceano di prosperare. Se succederà, vedremo un cambiamento di paradigma nella protezione dell'oceano".

"Siamo felici di essere alle Seychelles, un paese di guardiani dell'oceano che è all'avanguardia nella protezione del nostro pianeta blu".

Sull'idea dei diritti dell'oceano, Nainoa Thompson, presidente della Polynesian Voyaging Society ha detto: "Cosa c'è di più importante della domanda se l'oceano abbia dei diritti? La domanda più grande: i bambini dovrebbero avere diritto a un futuro positivo. Se non si protegge l'oceano, si tolgono loro i diritti".

Il Summit ha presentato voci di spicco dalle Seychelles accanto a prospettive globali, con esperti del governo, della scienza, dell'industria, delle ONG e della vela, e ha anche dato una piattaforma alle voci dei giovani.

L'evento fa parte di una serie di 12 Summit, che è stata sviluppata in collaborazione con 11th Hour Racing, un Premier Partner di The Ocean Race e Founding Partner del programma di sostenibilità Racing with Purpose. La serie di convegni internazionali esplora l'idea di dare diritti all'oceano per creare uno sforzo globale collettivo per proteggere i mari. Il concetto può essere realizzato solo se i diritti dell'oceano sono accolti su scala globale, ed è per questo che The Ocean Race sta lavorando per raccogliere sostegno e slancio con i principali decisori e sostenitori dell'oceano. Attraverso un'azione collaborativa, The Ocean Race sta costruendo verso l'obiettivo ambizioso di creare una Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Oceano. 

Todd McGuire, Managing Director di 11th Hour Racing, ha presenziato all’evento e ha osservato: “Se mi chiedeste quale parola ha caratterizzato questo Summit vi risponderei “opportunità” Il risultato che stiamo ottenendo con i Summit è mettere in relazione atleti, scienziati, politici, governi, media e ONG in questo sforzo comune di creare una Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Oceano.”

Anche Relay4Nature, l'iniziativa sviluppata da The Ocean Race in collaborazione con Peter Thomson, inviato speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite per l'Oceano, per difendere l'oceano e dargli una voce sulla scena mondiale, ha avuto un ruolo nell’ambito del Summit. Simboleggiato dal Nature's Baton, Relay4Nature crea un "filo blu" tra i grandi eventi in cui vengono prese le decisioni sull'ambiente e raccoglie messaggi lungo il percorso sulle azioni urgenti che i leader mondiali devono intraprendere. Dopo la sua apparizione alla COP26 e all’One Ocean Summit, l'ambasciatore Thomson ha portato il Baton alle Seychelles, dove è stato consegnato al presidente Ramkalawan, prima di passare il testimone ai giovani sostenitori dell'oceano delle Seychelles che hanno parlato al Summit e si sono impegnati a salvaguardare i mari.

L'Ocean Race Summit Seychelles, è stato condotto dal famoso presentatore televisivo e comunicatore scientifico Danni Washington, ed è stato incentrato sulle soluzioni e sugli esempi di come il paese insulare ha cercato di affrontare le minacce al mondo marino.

Ulysse Nardin, il pionieristico produttore di orologi svizzero che ha forti legami con il mondo de mare, è il 'Time to Act Partner' degli The Ocean Race Summit. La serie è iniziata come evento a sé stante durante l'edizione 2014-15 della regata ed è diventata uno degli elementi più importanti del programma di sostenibilità di The Ocean Race. La frequenza dei Summit, che supportano gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite (SDG14), è aumentata per riflettere che non c'è tempo da perdere nell'affrontare le minacce al nostro pianeta blu.

PREVIOS POST
A Expo 2020 Dubai va in onda il Calabria day
NEXT POST
Concluso il primo Raduno 2.4mR alla FV Malcesine