Vetroresina, altamente inquinante e non riciclabile: ecco la soluzione dalla startup nlcomp in un mercato da 40 miliardi

Vetroresina, altamente inquinante e non riciclabile: ecco la soluzione dalla startup nlcomp in un mercato da 40 miliardi

Vetroresina, altamente inquinante e non riciclabile: ecco la soluzione

Accessorio

14/11/2022 - 08:42
advertising

La vetroresina è utilizzata in numerose applicazioni industriali e sportive ma non è riciclabile in maniera efficiente ed è altamente inquinante per l'ambiente. Viene utilizzata per le pale eoliche, la nautica, per pannelli e tubazioni, nei camper, negli stampi per qualsiasi applicazione, in arredamento (sedie, divani, ecc) e in molti altri settori...    

I manufatti nautici e nello specifico le imbarcazioni, a causa degli alti costi di smaltimento della vetroresina stessa, vengono frequentemente abbandonati nei campi, nelle marine e purtroppo anche in fondo al mare. Uno studio dell'Unione europea sul turismo nautico ha rilevato circa 80.000 imbarcazioni abbandonate nel continente, di cui solo 2.000 sono state smaltite con modalità adeguate.

Negli ultimi cinque anni, solo in Italia, sono state prodotte 4.000 imbarcazioni che equivalgono a circa 32.000 tonnellate di vetroresina che verranno bruciate o abbandonate a fine vita.

La start up innovativa Northern Light Composites (https://northernlightcomposites.com/, nlcompTM) nasce in risposta a questa grave problematica e si prepara a crescere ancora con una serie di importanti novità in arrivo. Fondata nel dicembre del 2019 dall'idea di tre amici e velisti, Fabio Bignolini, Andrea Paduano e Piernicola Paoletti, nlcompTM, con sede a Monfalcone, si occupa della ricerca e dello sviluppo di materiali compositi riciclabili per la costruzione di barche a vela e non solo. In poco tempo la startup si è affermata nel mondo della nautica come una delle più interessanti e vivaci realtà del settore.

Ha infatti ideato rComposite™, il primo e unico composito riciclabile al mondo: grazie all'utilizzo di una matrice termoplastica, a fibre naturali o riciclate e a     l core Atlas HPE di NMG Europe, il composito di nlcompTM garantisce basso impatto ambientale e un fine vita sostenibile.

rComposite™ ha caratteristiche meccaniche paragonabili a quelle della tradizionale vetroresina, un prezzo allineato ai competitor ma, a differenza di loro, è decisamente più sostenibile. nlcompTM ha registrato il brevetto per il processo produttivo di questo composito (patent pending).

Per dimostrare che rComposite™ è una alternativa pronta per il mercato, nlcompTM ha costruito una imbarcazione da regata, EcoRacerTM, di 7,69 metri      testandola sotto stress durante l'ultimo anno. EcoRacerTM è la prima imbarcazione al mondo costruita in resina termoplastica e fibra di lino ed è dotata inoltre di vele riciclabili, motore elettrico e pannelli solari. EcoRacerTM ha vinto nel 2022 il Campionato Italiano Minialtura sul Lago di Garda, battendo 40 scafi in vetroresina.

In totale, in quasi tre anni di attività, la startup ha presentato quattro prototipi (EcoPrimus, EcoOptimist, EcoRacerTM e EcoFoiler), ottenendo diversi riconoscimenti in tutta Europa (Design Innovation Award, World Sailing Sustainability Award, Velista dell'Anno e Foiling Awards).

Per nlcompTM è arrivato il momento di scrivere una nuova pagina, con il lancio della campagna di crowdfounding che parte il 18 ottobre su Ecomill, piattaforma di crowdinvesting dedicata alla transizione energetica e alla sostenibilità.

Le nuove barche in fase di progettazione, una da regata e una per la crociera sportiva, saranno ancora una volta firmate da Matteo Polli, talentuoso Yacht Designer, il più vincente del momento nel mondo delle imbarcazioni sportive, che fa ormai parte del core di Northern Light Composites. Nella loro costruzione saranno impiegate resine a matrice termoplastica e materie prime a basso impatto come la fibra di lino e il basalto, oltre al core Atlas HPE by NMG Europe. I due nuovi progetti saranno un unicum nel mondo dell'industria nautica, dato che non sono mai state realizzate prima d'ora barche riciclabili di questa lunghezza e tipologia.

 Una tecnologia al servizio non solo della nautica

La nautica non è il solo ambito in cui la tecnologia sviluppata da nlcompTM può trovare applicazione. Non ci sono di fatto dei limiti per l'utilizzo del composito: dall'arredamento agli accessori, fino ad arrivare a realtà industriali più complesse come quelle dell'automotive e delle pale eoliche. Oggetti di uso quotidiano o componenti più complessi, il composito riciclabile inventato da nlcompTM è una soluzione versatile che può adattarsi a differenti scenari produttivi. La stessa nlcompTM , infatti, ha impostato la sua attività su tre differenti business unit: la prima, quella principale, si basa sulla progettazione, ingegnerizzazione e vendita di imbarcazioni a vela e a motore; la seconda invece si occupa di servizi di progettazione e ingegnerizzazione di imbarcazioni in eco-design; la terza infine è quella della consulenza nel percorso di transizione ecologica per aziende che operano nel settore dei compositi.

    Partner industriali di caratura internazionale

La startup innovativa nei primi due anni di attività ha stretto accordi con alcune delle più importanti realtà del settore dei compositi. Arkema, multinazionale con sede in Francia, è una delle aziende leader nella chimica e nella formulazione di resine sostenibili; NMG Europe è invece una realtà che sviluppa schiume ad alto contenuto tecnologico, mentre Breton, azienda italiana, è leader per quanto riguarda l'Additive Manufacturing e con nlcompTM  ha avviato un progetto per lo sviluppo di stampi riciclabili. OneSails, uno dei primi partner della startup, è l'unica veleria al mondo in grado di proporre sul mercato delle vele in composito riciclabile. Partner riconosciuti a livello internazionale come realtà d'eccellenza, e soprattutto perfettamente orientati alla ricerca e allo sviluppo di soluzioni sostenibili per l'industria, quella nautica o quella extra-settore, che condivide le medesime problematiche sul fine vita dei materiali e sui costi, anche ambientali, del loro smaltimento in mancanza di una vera economia circolare.

 Northern Light Composites e l'impegno nel sociale

Non ci sono solo le barche nuove nel mondo di nlcompTM; la startup infatti è impegnata anche in altri due progetti significativi: lo "Yacht Recovery Project" dedicato alla mappatura e al recupero delle barche abbandonate in giro per l'Italia e l'"ecoOptimist for Sailing School", lanciato in collaborazione con la non-profit inglese Clean Sailors. La seconda è un'iniziativa che ha l'obiettivo di sensibilizzare i giovani velisti sull'importanza di praticare uno sport pulito e di far conoscere le tecnologie e i materiali sostenibili, spiegando perché sono la scelta giusta per rispettare l'ambiente che ci circonda.   

advertising
PREVIOS POST
Salerno Boat Show: registrate 25.000 presenze nei quattro giorni
NEXT POST
Stefano Bertazzoni, Xenta: al Mets con X-Aid