Bellissima 14.98

Bellissima 14.98

Al marina di Chiavari presentazione di 2 barche firmate Italia Yachts

Barca a vela

28/10/2022 - 10:32
advertising

Quello in arrivo sarà un fine settimana davvero speciale per tutti gli appassionati di nautica e di vela. Grazie alla partnership fra Marina di Chiavari e Nautica Sport, infatti, sabato 29 e domenica 30, sarà possibile testare in mare le performance delle due nuovissime imbarcazioni firmate da Italia Yachts, il 12.98 Bellissima e il 14.98 Fuoriserie, recentemente presentate al Salone Nautico di Genova.

Calata Ovest sempre attenta ad offrire occasioni speciali ai propri clienti e a tutti gli appasionati di imbarcazioni, è lieta di ospitare la due giorni, durante la quale sarà possibile effettuare prove in mare a bordo delle due barche insieme allo staff di Nautica Sport.

Barche firmate Italia Yachts
Barche firmate Italia Yachts

Così Italia Yachts presenta le due nuove versioni che saranno presenti sabato e domenica a Chiavari:      

Rappresenta la vera sfida di Italia Yachts nella realizzazione di una barca che abbia come plus tanto l'estetica quanto l'essere marina. L'obiettivo è quello di coniugare le due diverse anime senza compromessi, negli aspetti tecnici quanto in quelli stilistici, puntando sempre più in alto, in termini di qualità e design, nella costruzione e negli arredi. È stata pensata per velisti esigenti che amano una conduzione sportiva e apprezzano dettagli e rifiniture di altissimo pregio negli esterni come negli interni mantenendo salde le caratteristiche del brand: semplice, razionale, funzionale, e versatile nell'utilizzo in crociera e in regata. IY 14.98 rappresenta il primo vero cambio di passo verso un target differente. 

barche firmate Italia Yachts
Barche firmate Italia Yachts

Fuori dagli standard

Sentirsi a casa, in un ambiente confortevole e assolutamente fuori dagli standard. Questa sarà la sensazione entrando in un IY 14.98. La sua dimensione la rende adatta alle lunghe crociere ed è per questo che gli ambienti sono studiati per avere qualcosa in più non solo nella scelta delle essenze e delle tappezzerie, ma nel trovare spazi per quelle commodity che rendono la vita a bordo più piacevole. Tra queste la possibilità di avere la cantina per i vini e grandi armadi fino a terra. L'illuminazione è calda, diffusa, continua e mai concentrata, con effetto floor wash, mai invadente.

Barche firmate Italia Yachts
Barche firmate Italia Yachts

Comfort e presentazione

Il piano di coperta è pratico e funzionale e linee di carena di IY 12.98 hanno un corretto equilibrio tra comfort e prestazioni, mutuando i concetti fluidodinamici della plurivittoriosa IY 9.98 Fuoriserie per la distribuzione dei volumi, mantenendo le caratteristiche degli interni in assoluto stile cruising. Gli slanci a poppa e prua sono più evidenti rispetto agli altri modelli del cantiere. La minore superficie bagnata è a tutto vantaggio delle prestazioni in condizioni di vento leggero. Le forme della barca favoriscono una lunghezza al galleggiamento variabile: contenuta con poco vento, si allunga dinamicamente con l'aumentare della velocità e dello sbandamento. Sono molto curati gli aspetti legati al comfort in navigazione, per attenuare il beccheggio.

Esterni

Il piano di coperta prevede la copertura in teak, e la collocazione delle attrezzature in funzione della crociera, perché la navigazione sia facile e confortevole anche con equipaggio famigliare o ridotto, senza compromessi per quanto riguarda velocità e sensazioni al timone.

Interni

Negli interni dell'IY 12.98 il tema conduttore è ecologia, la natura, il rispetto per l'ambiente: midollino, fibre di cotone e di lino interpretati con soluzioni tecnologiche e innovative per creare un ambiente elegante, senza appesantire la barca. Come in tutta la gamma le soluzioni rispondono a studi ergonomici per garantire sempre un' ottima abitabilità e un comfort al di sopra degli standard.  

advertising
PREVIOS POST
La Route du Rhum 2022 di Giancarlo Pedote: ricordi e obiettivi
NEXT POST
C-Cat i catamarani per chi vuole andare a vela. Parola di Massimo Guardigli