Patente nautica

Patente nautica

Patenti nautiche: alla Motorizzazione di Milano sedute d’esame anche in estate

Servizio

31/07/2018 - 21:42
advertising

Tempo di bilanci per la task force estiva messa in campo dalla Motorizzazione di Milano per gli esami della patente nautica. Nonostante le innumerevoli difficoltà che si registrano in tutti gli uffici ministeriali del territorio nazionale, la città meneghina è riuscita a far fronte all’elevata richiesta di rilascio e rinnovi delle patenti.

Turni anche pomeridiani ed un maggior numero di sedute hanno permesso di smaltire le richieste di un ufficio la cui mole di lavoro è tra le più alte d’Italia: “Milano non è soltanto la capitale economica d'Italia – sottolinea Marco Morana, vicesegretario della sezione nautica della Confarca, la confederazione delle scuole nautiche italiane –. È anche la città in cui vive una delle più grandi utenze nautiche del nostro Paese, ed è per questo che l'Ufficio di Motorizzazione Civile locale ogni anno si trova ad affrontare grosse problematiche per l'estate circa il rilascio e i rinnovi della patente nautica”.

Il plauso va dunque allo straordinario lavoro messo in campo dal dirigente dell'Ufficio Provinciale, Antonello Persano, “capace di coordinare un gruppo di persone che, seppur ridotto al numero minimo storico di risorse, con grande impegno e sacrificio ha affrontato il grande lavoro pre-estivo con ottimi risultati” aggiunge Morana.

“A nome delle scuole nautiche milanesi, Confarca ringrazia il dirigente della UMC, l’ingegner Persano, che con grande capacità ha coordinato un gruppo di persone strepitose del settore navigazione, a cominciare dell'ingegner Cicoria, la signora Braia e la signora Lotito, nonché la dottoressa Manzi dell'Ufficio turni – conclude Morana – Il personale, ridotto nei numeri ma non nelle capacità, ha dimostrato spirito di sacrificio ed ha permesso di non far registrare i gravi disagi che vedevamo all'orizzonte in primavera”.

advertising
PREVIOS POST
Vela / Europei Classe Contender: in testa Marco Ferrari
NEXT POST
Sharknet: da oggi l’immersione è social e sicura