Il prestigioso marchio greco di gommoni Ribco sbarca in Italia

Ribco sbarca in Italia grazie alla IMD Boats

Battello pneumatico

Da IMD
24/02/2022 - 11:45
yamaha
yamaha

Il dealer esclusivo per il nostro Paese sarà la IMD Boats (International Marine Dealers Boats), l’azienda che ha legato il suo nome all’importazione e distribuzione in esclusiva d’importanti e blasonati fisherman americani da oltre 20 anni.

In un’ottica di “rinnovo ed estensione del portafoglio prodotti” è iniziata un’opera di scandaglio del mercato internazionale al fine di scegliere un marchio inedito per il nostro Paese, che fosse garanzia di qualità, design e prestazioni, in grado di soddisfare i clienti più raffinati ed esigenti.

L’intera gamma prodotti è motorizzata con due o più fuoribordo, ed eventuali customizzazioni permettono l’installazione di motori entrofuoribordo diesel o trasmissioni di superficie.

Le misure attualmente disponibili a catalogo vanno da 29 a 44 piedi in attesa dell’ammiraglia di 53 piedi che a breve verrà alla luce.

Blade 29 è il modello entry-level del produttore greco. La sua carena ultra performante dotata di due step e la motorizzazione massima offerta dai 2 Mercury 225 cavalli permettono a questo battello di circa 8 metri e mezzo di superare agevolmente i 60 nodi in assoluta tranquillità.

A seguire troviamo il Seafarer 33 e il Venom 34. Proprio quest’ultimo, recentissima novità in casa Ribco, sarà in Italia presso la IMD Boats il prossimo maggio motorizzata con 2 Mercury Verado V8 da 300 cavalli. Omologato come natante e dotato di una carena a doppio step disegnata dal noto progettista Lorne Campbell rappresenta probabilmente il modello più appetibile per il nostro mercato.

Step successivo è il Seafarer 36X, il progetto più longevo del cantiere, che nei suoi 22 anni di storia è stato in grado di produrre oltre 500 battelli. A salire troviamo il Venom 39, dodici metri di lunghezza in grado di portare a poppa 900 cavalli. Ed infine il Venom 44, che con i suoi tredici metri e 52 centimetri è l’attuale ammiraglia. Nella versione fuoribordo 2 x 600 cavalli Mercury V12 è in grado di superare con facilità i 70 nodi.

Ciò che accomuna tutti i battelli RIBCO, oltre alla maniacale cura dei dettagli, l’impiego di materiali pregiati come il carbonio e gli investimenti continui in ricerca e sviluppo, è una configurazione sportiva in grado di regalare comunque molto spazio in coperta.

Ogni modello è caratterizzato da ampi prendisole sia a prua che a poppa, capienti e numerosi vani di stivaggio, tavolini a scomparsa, sedute di pilotaggio sportive ma molto confortevoli per lunghe traversate. Inoltre, in alcuni casi, è prevista nel grande gavone di prua una tenda che permette il pernottamento in rada.

I RIB vengono già forniti di serie completi di tutto: package Raymarine, impianto stereo Fusion, calpestio in teak, T-Top in carbonio (dotabile di pannelli solari per l’alimentazione ecologica di bordo) e numerosi altri accessori.

Insomma, scegliere un RIBCO diventa un buon motivo per distinguersi, nella certezza di poter contare sul meglio sia per ciò che concerne i materiali, le prestazioni e la serietà del Cantiere, che non è mai un elemento da sottovalutare.

 

PREVIOS POST
Assonautica Latina: in barca di Dalla per ricordare il musicista
NEXT POST
Con il sale sulla pelle, un romanzo di Veronica Cotugno