Superbia 28

Superbia 28, progetto ambizioso: carbonio e solo carbonio

Barca a motore

26/01/2022 - 20:57
rio_yachts
rio_yachts

Descrivere un nuovo modello proposto sul mercato non è mai semplice, specialmente quando si tratta di un prodotto sicuramente di nicchia, ma dalle grandi potenzialità.
Il Superbia 28 è stato varato recentemente e rappresenta la finalizzazione del primo progetto voluto dalla start-up “Occhilupo Yacht&Carbon”, giovane realtà costituita nel 2019 i cui componenti provengono da collaborazioni progettuali con importanti realtà del settore automotive, militare e spaziale. L’azienda, nata dalla passione per la nautica di Alessandro Occhilupo, si propone di impiegare nel settore nautico i materiali e le tecniche costruttive più avanzate utilizzate nel mondo delle super-car e in ambito aerospaziale.

La scommessa non era facile ma il primo obbiettivo è stato raggiunto: mettere in acqua una barca realizzata interamente in fibra di carbonio capace di raggiungere performance da brivido con una potenza relativamente contenuta in relazione alla dimensione dello scafo. Tutto è stato ideato in funzione di massimizzare il rapporto peso/potenza. L’imbarcazione equipaggiata con due motori fuoribordo da 200hp ciascuno raggiunge la ragguardevole velocità di 48 nodi in completa sicurezza. Sono in corso test finalizzati alla scelta delle eliche ideali per incrementare le performances. La velocità di progetto prevista con motorizzazioni più potenti sfiora i 60 nodi. 

Il design è stato curato da Gianluca Meschino: le linee e le forme, aggressive e al contempo eleganti, sono studiate per esaltare il carattere sportivo dello scafo coniugando comfort e vivibilità a bordo.

Lo studio del design ha posto particolare attenzione non solo alle linee d’acqua ma anche all’opera morta poiché sono state adottate soluzioni aerodinamiche sulle murate verso poppavia mutuate dalle prese d’aria delle auto da corsa. La particolare soluzione è funzionale ad aumentare la pressione dell’aria sulla zona poppiera della barca a vantaggio di stabilità ed assetto alle alte velocità.

L’approccio progettuale è stato fondamentale poiché, prima della fase di lavorazione, sono state applicate le tecniche avanzate di simulazione tra cui la fluidodinamica numerica e l’analisi strutturale. Questi processi hanno agevolato, sui materiali effettivamente utilizzati, prove di trazione e flessione per testare l’effettivo comportamento dei materiali stessi sotto stress.

La laminazione dello scafo e delle sovrastrutture è stata eseguita utilizzando unicamente il carbonio attraverso la tecnica di infusione sottovuoto con resina epossidica. Ciò ha prodotto strutture resistenti e leggere.

Superbia 28 è disponibile in tre versioni ed è modellabile a seconda delle esigenze di ogni armatore. 
E’ possibile scegliere le tinte delle livree esterne (pastello o metallizzate) fino alla definizione degli allestimenti interni ovvero pellami, tessuti, cuscinerie e optional.
La personalizzazione rappresenta un vanto per il cantiere che si propone di mettere al servizio del cliente il know-how, la sensibilità e la fantasia del proprio personale affinchè ogni yacht realizzato abbia caratteristiche distintive uniche.

In ottica propulsiva, proprio in considerazione del peso ridotto dell’imbarcazione, per i modelli successivi sono allo studio soluzioni “green” che prevedono l’impiego di motori elettrici con alterazioni marginali sulle prestazioni.

 

PREVIOS POST
Absolute 48 Coupé, vincitrice del premio Europeo PowerBoat 2022
NEXT POST
Parte da Genova il programma educativo Campioni per il Mare di The Ocean Race