Il circuito dell'IMA Mediterranean Maxi Inshore Challenge (MMIC), lanciato nel 2019

Il circuito dell'IMA Mediterranean Maxi Inshore Challenge (MMIC), lanciato nel 2019

La International Maxi Association presenta i circuiti regate 2019

Sport

11/03/2019 - 17:52
advertising

Fondata nell’agosto del 1979 da un gruppo di armatori degli allora detti “yacht di classe A” - Edmond de Rotschild, armatore di Gitana, John Kilroy di Kialoa, George Coumantaros di Boomerang, Raul Gardini de Il Moro di Venezia, Bill Whitehouse-Vaux di Mistress Quickly - e battezzata ICAYA ( da “International Class A Yacht Association”), l'organizzazione si prefisse da subito di mettere in piedi una serie di regate dedicate alle "Big Boats", ad anni alterni in Mediterraneo e negli USA. Nel 1980, appena un anno dopo la fondazione della classe, si tenne a Porto Cervo il primo evento per gli "yacht di classe A", sotto l'organizzazione dello Yacht Club Costa Smeralda. Per tutti gli anni Ottanta e Novanta eventi per maxi si tennero in varie località - a Porto Cervo ma anche a Saint-Tropez e a Palma di Maiorca, a San Francisco, a Newport nel Rhode Island fino alle isole Hawaii, per citarne solo alcune - con il nome prima di "ICAYA Cup", poi di “Maxi Yacht World Championship”. Nel 1995 nasce ufficialmente la Maxi Yacht Rolex Cup, che da allora si terrà sempre a Porto Cervo nella prima settimana di settembre, inizialmente ogni due anni, poi ogni anno dal 1999, sempre sotto l'egida dello YCCS.
Dagli anni pionieristici della fondazione dell’ICAYA molto è stato fatto, e oggi l’IMA conta una sessantina di soci-armatori. Per loro l’associazione coordina un fitto calendario internazionale rispondendo a esigenze di gruppi di barche (e armatori) molto diverse tra di loro: Maxi 72, Wally, J Class e una variegata flotta di mini maxi.
 
La stagione 2019 
Il calendario mediterraneo delle regate per i maxi si aprirà l’8 maggio a Palma di Maiorca con il Sail Racing Palmavela. Poi i giochi si sposteranno in acque italiane, con la Rolex Capri Sailing Week a metà mese (partenza della Tre Golfi da Napoli a Capri il 10 maggio), la 151 Miglia-Trofeo Cetilar a fine maggio, la Giraglia Rolex Cup complessivamente dal 7 al 15 giugno. Dopo la pausa estiva si riprende con la Palermo-Montecarlo il 21 agosto. Settembre vedrà i maxi  a Porto Cervo per l’edizione numero 30 della Maxi Yacht Rolex Cup (dal 1 al 7 settembre). A ottobre si torna a Saint-Tropez per l’omonima serie delle “Voiles”, prima di spostarsi su Malta con la Rolex Middle Sea Race. Novembre, tempo di alisei, vedrà i maxi sulla rotta Lanzarote - Grenada per la RORC Transatlantic Race.

Il Mediterranean Maxi Inshore Challenge affianca da quest'anno l'omonimo circuito Offshore
Sono già 3 anni che il “Mediterranean Maxi Offshore Challenge” riunisce in un circuito le 5 regate offshore più accattivanti della stagione Mediterranea. Per motivi logistici si inizia sempre con la Rolex Middle Sea Race di ottobre, e si prosegue quest’anno con la Tre Golfi, la 151 Miglia-Trofeo Cetilar, la regata lunga della Giraglia, infine la Palermo-Montecarlo. Il trofeo sarà assegnato a settembre al maxi che avrà partecipato ad almeno 3 delle 5 prove – e con il miglior risultato.
Vincitori delle edizioni precedenti sono stati George David di Rambler (nel 2016) e Carlo Alessandro Puri Negri nel 2018 con Atalanta.
Novità del 2019 è la creazione di un analogo circuito raggruppante le regate “inshore”: il “Mediterranean Maxi Inshore Challenge”. Anche qui, vince chi totalizza il miglior risultato avendo partecipato ad almeno 4 delle 6 manifestazioni sotto elencate:

Sail Racing Palmavela (Palma di Maiorca, 8-12 maggio))
Rolex Capri Sailing Week (le regate capresi del 15-18 maggio)
Rolex Giraglia (la serie di regate inshore tra il 9 – 11 giugno)
Copa del Rey MAPFRE (a Palma dal 27 luglio al 3 agosto)
Maxi Yacht Rolex Cup (dall’1 al 7 settembre a Porto Cervo)
Les Voiles di Saint-Tropez dal 28 settembre al 6 ottobre

«E’ stato naturale affiancare un circuito di regate inshore a quello offshore inaugurato 3 anni fa», sono le parole di Benoît de Froidmont, presidente IMA. «Il nuovo circuito include regate già note, e alle quali i nostri armatori partecipano regolarmente. Speriamo che l’introduzione dei nuovi trofei messi in palio dall’IMA per i vincitori dei due challenge – due coppe in argento dell’Ottocento, provenienti dalla stessa manufattura che creò la “Coppa delle Cento ghinee” nel 1851 – siano da incentivo per una ancora maggiore partecipazione».
«L’obiettivo dei due circuiti promossi dall’IMA è chiaramente quello di spingere i maxi a una costante partecipazione alle regate più importanti della stagione», commenta il segretario generale IMA Andrew McIrvine. «In quest’ottica abbiamo voluto affiancare quest’anno il circuito delle serie inshore a quello, già rodato, delle regate offshore».

Verso le prime regate
Marzo è ancora tempo di pianificazione, ma i numeri degli iscritti alle prime regate di inizio estate sembrano essere più alti di quelli degli anni passati. 158 sono a oggi gli iscritti alla 151 Miglia (e tra di loro almeno una decina di maxi, tra i quali Rambler di George David), e 105 quelli confermati alla Rolex Capri Sailing Week, con 19 maxi che si disputeranno il Maxi yacht trophy nella serie caprese dal 14 al 18 maggio; una decina almeno quelli che arriveranno da Napoli con la Regata dei Tre Golfi - quest’anno alla sua sessantacinquesima edizione - in partenza alla mezzanotte di venerdì 10 maggio dalla sede del Circolo Remo e Vela Italia a Napoli.
 

advertising
PREVIOS POST
RYCC: Italia Laser Cup 2019, Nordera e Prodigo sul podio
NEXT POST
Scomparso Sebastiano Tusa, Assessore e Soprintendente del mare