International Multihull Show: un 2024 positivo e un brillante futuro in vista

International Multihull Show: un 2024 positivo e un brillante futuro in vista

International Multihull Show: un 2024 positivo e un brillante futuro in vista

Servizio

advertising

Reduce dalla sua quindicesima edizione, l'International Multihull Show di La Grande Motte (Occitania) conferma la sua posizione di evento commerciale BtoB e BtoC di livello mondiale.

In un clima economico globale meno favorevole, l'evento del Mediterraneo francese si è confermato dinamico e rinnovato, svolgendo il suo ruolo di spazio di mercato a sé stante che ha generato un buon numero di vendite, ordini e contatti per i produttori e i distributori nazionali e internazionali. Grazie al clima particolarmente clemente di quest'anno, gli organizzatori stimano che la quota di visitatori internazionali abbia raggiunto una percentuale compresa tra il 55% e il 60%. La crescita del numero di visitatori, e in particolare dei decision maker, è un segno della natura "alta" del salone, con una tendenza crescente verso prodotti e soluzioni innovativi, attraenti e rispettosi dell'ambiente.

"Possiamo notare che i visitatori stranieri sono di gran lunga la maggioranza nei giorni feriali e l'inglese è la lingua dominante sulle banchine. L'equilibrio si sposta ovviamente durante il fine settimana con l'arrivo di un maggior numero di visitatori locali e nazionali, ma ciò che emerge dalle nostre conversazioni con gli operatori del settore è una base di visitatori sempre più di qualità. Gli espositori si stanno adattando a questa clientela esigente, offrendo una gamma di prodotti ampia e diversificata che riflette le loro crescenti aspettative in termini di rispetto dell'ambiente marino", afferma Caroline Popovici, nuova direttrice del salone. Tra i visitatori europei, Italia, Germania, Svizzera, Paesi Bassi e Regno Unito rappresentano il 45% del numero totale di presenze. Il mercato nordamericano (Stati Uniti e Canada) rappresenta circa il 10% delle 25 nazionalità presenti al salone. 

Una 15a edizione all'insegna di una transizione graduale e di un'ulteriore sinergia con gli operatori locali.

La Fédération des Industries Nautiques e la nuova direzione di M2Organisation hanno puntato a una transizione morbida che preservasse il DNA e il patrimonio distintivo del salone. "Sapevamo che gli espositori erano preoccupati. I cambiamenti suscitano sempre una serie di domande, ed è comprensibile. Il nostro obiettivo per il primo anno è stato quello di acquisire una buona comprensione dell'ecosistema del salone, in modo da poterne facilitare la transizione. Per il prossimo anno vorremmo apportare una serie di modifiche, in particolare per quanto riguarda l'esperienza dei visitatori a terra, che deve essere riconsiderata. Siamo pieni di nuove idee per nuove aree, per migliorare il layout, per la creazione di un nuovo segmento, per lo sviluppo di nuove partnership, ecc.

A questo proposito, la FIN tiene a sottolineare l'eccezionale collaborazione con gli attori locali, in particolare con il sindaco Stephan Rossignol e la sua squadra, con il porto di La Grande Motte e il suo direttore Éric Pallier, e con la Regione Occitania, la cui sinergia con la FIN ha portato alla firma di un accordo di cluster industriale con il governo francese per sostenere i 3.000 posti di lavoro locali esistenti e aprire la strada verso il futuro. 

Il mese di aprile 2025 si preannuncia molto intenso per i saloni organizzati dalla Fédération des Industries Nautiques.

Il prossimo Salone internazionale dei multiscafi di La Grande Motte si svolgerà da mercoledì 23 a domenica 27 aprile 2025. La 16a edizione sarà ospitata subito dopo il nuovo Nautic en Seine, che aprirà i battenti martedì 1° aprile e si articolerà su 6 giorni sulle rive della Senna, nella capitale francese. I dettagli di questa nuova strategia adottata per i saloni nautici francesi saranno svelati in occasione della conferenza stampa annuale della FIN, che si terrà all'inizio di settembre.

 
PREVIOUS POST
Riva El-Iseo è il primo modello del segmento E-Luxury di Riva
NEXT POST
Confidustria Nautica: domani la Giornata del Mare nelle Scuole