IMM CarraraFiere Navigo uniti progetto Nautica Toscana

IMM CarraraFiere e Navigo uniti nel progetto per Nautica Toscana

Servizio

Da Seatec
10/03/2022 - 19:02
guidi
guidi

IMM CarraraFiere, organizzatore di Seatec-Compotec Marine e Navigo - centro servizi per l'innovazione e lo sviluppo della nautica, organizzatore di YARE, lavorano insieme alla realizzazione di una manifestazione dedicata alla nautica professionale e allo yachting che possa diventare, negli anni, un appuntamento imprescindibile per la cantieristica nazionale e internazionale. L'obiettivo di questa partnership è unire i poli produttivi di Viareggio e Carrara in un'ottica di lungo periodo, per arrivare a costituire una vera filiera di qualità che nel tempo possa comprendere tutta l'industria nautica italiana, industria che continua a mostrare la sua tenuta, nonostante la contingenza imposta dal Covid-19: le attività diportistiche sono state infatti favorite dalle necessità di distanziamento sociale e la nautica vive in questi tempi un periodo di forte interesse e attrattiva.

 Questi i temi della conferenza stampa di presentazione dell'evento che si è svolta al centro direzionale di IMM CarraraFiere.  A ribadire la volontà di un cammino unitario, con una visione di lungo periodo, insieme a Sandra Bianchi nuovo amministratore unico di IMM CarraraFiere e a Pietro Angelini, direttore di NAVIGO, erano presenti al tavolo Leonardo Marras, assessore all'economia e al turismo della Regione Toscana, Matteo Martinelli vicesindaco del Comune di Carrara, Monica Fiorini responsabile promozione e marketing di Autorità Portuale, Umberto Paoletti direttore di Confindustria Livorno Massa-Carrara, Dino Sodini presidente della Camera di Commercio, Paolo Ciotti direttore CNA Massa Carrara, Sergio Chiericoni presidente di Confartigianato Massa-Carrara.

 Sandra Bianchi, aprendo la conferenza, ha ricordato che la IMM fronteggia da tempo un momento complicato, sia per l'andamento del settore fieristico, sia per la Società evidenziando tuttavia che è nelle difficoltà che si può crescere e migliorare attivando sinergie utili e collaborando con tutti gli attori del territorio a favore del comparto nautico:
« Seatec Compotec Marine è un evento di qualità che oggi riparte per tornare a crescere domani; l'edizione 2022 si caratterizza grazie alla sinergia che abbiamo trovato con Navigo a beneficio di tutto il settore, lavorando ad un obiettivo comune che porti alla realizzazione negli anni a venire di un evento di rilievo dedicato alla nautica toscana e di tutto il Mediterraneo. La nautica è un settore trainante in Toscana, realizzare una manifestazione in collaborazione e con una strategia condivisa con Yare di Viareggio segna una ripartenza importante per la fiera.»

 L'assessore regionale Marras ha evidenziato l'intelligenza di una scelta fatta nell'ottica non della competizione, ma della collaborazione: «La sinergia tra due eventi promozionali cardine del settore è davvero un bel segnale. Il sostegno della Regione a questo sodalizio è in linea con il percorso di supporto e rilancio del polo fieristico di Carrara che abbiamo intrapreso ormai da mesi e che, iniziative come questa ci dicono, sta dando i primi buoni frutti. Carrara e Viareggio sono i poli più importanti per la realizzazione di yacht e superyacht a livello regionale ma anche nazionale ed internazionale, questo appuntamento, quindi, segna un nuovo slancio del comparto che si mostra al mondo con le sue eccellenze e con prospettive di sviluppo per il futuro.» 

Anche il vicesindaco Martinelli vede nella presenza dei numerosi soggetti istituzionali coinvolti un segnale importante di rilancio della fiera, in particolare su un evento che è sempre stato un suo punto di forza. «La nautica ha bisogna di un evento importante – è il commento conclusivo -  ovvero di una manifestazione che rispecchi la vocazione del territorio per la nautica e ne diventi protagonista, così come il settore è protagonista nei numeri.»

Paoletti ha ricordato che Confindustria Livorno Massa-Carrara lavora da due anni al progetto di reindustrializzazione della costa Toscana e che in questo contesto la ripresa di IMM e la ripartenza di Seatec, supportata da Regione Toscana ed enti locali, è un tassello importante nell'ambito delle attività produttive e di fornitura di servizi della costa: «La nautica e la cantieristica hanno un rapporto di indotto superiore anche a quello dell'industria meccanica, un dato in termini di occupazione da tenere ben presente. In questa regione ci sono i maggiori cantieri italiani, noi dobbiamo immaginare una ripresa economica che passa attraverso l'integrazione dei comparti produttivi. IMM, nella sua nuova configurazione, ha scelto l'integrazione fra tutti i soggetti che a vario titolo hanno interessi sulla nautica, un approccio che condivido e che ha consentito per la prima volta di unire la maggior parte delle realtà interessate non solo al core business del Seatec, ma anche alla nautica in generale.» 

Sodini, presidente CCIAA Massa-Carrara, vede con favore la ripartenza della fiera dedicata ad un settore di rilievo e in crescita sul territorio: «La Camera di Commercio dà un contributo economico alle aziende per la partecipazione a Seatec, una fra le maggiori manifestazioni del complesso. Noi vogliamo che il complesso fieristico non venga smembrato: le fiere sono un motore di sviluppo diretto e indiretto validissimo e devono rimanere tali. Ci auguriamo di vedere presto anche la fiera del marmo, perché marmo e nautica sono i due settori principali del territorio.»

 Monica Fiorini ha testimoniato la volontà dell'Autorità di Sistema Portuale di collaborare attivamente con la Fiera a favore della promozione e del sostegno del territorio, così come già avviene con il Comune di Carrara per il coinvolgimento dei crocieristi «Siamo affini e vicini al territorio. Il rodaggio, dopo la riforma, è stato complicato per l'interfacciarsi fra due regioni diverse, ma ora siamo partiti, come dimostra anche la nostra adesione al Consorzio ZIA (Zona Industriale Apuana) col quale abbiamo attivato sinergie a favore della promozione e della riqualificazione del territorio. Ora c'è grande attesa per il Piano Regolatore Portuale, non solo per il travel lift ma per tutto il settore e per il nostro porto che, nonostante la ristrettezza di banchine e moli ha registrato un segno più nei traffici anche nel 2021. Per la nautica a realizzeremo quest'anno una pubblicazione sulla cantieristica di alta gamma che coinvolgerà sia il demanio di La Spezia che quello di Marina di Carrara. Siamo a disposizione di Seatec, un'ottima vetrina a cui parteciperemo e forniremo collaborazione.»

Il direttore di CNA Massa Carrara Ciotti ha rimarcato la positività della partnership e del coinvolgimento di tutti i soggetti competenti che insieme possono davvero contribuire alla valorizzazione del territorio: «Mai come ora è vitale far ripartire la fiera e farlo con tutti i soggetti allineati, in primis ma non solo la Regione Toscana, è importantissimo. Ciò che conta, al di là del risultato immediato, è che ci sia un progetto capace di trasmettere serietà e concretezza alle aziende facendo sì che comprendano il ruolo economico che la fiera stessa ha.» 

 Sulla stessa lunghezza d'onda il presidente di Confartigianato Chericoni: «Dopo cinque anni di errori gestionali che hanno aggravato la crisi dovuta alla pandemia, vediamo una ripresa. Ci contavano in pochi, ma grazie a chi ci ha creduto e alle capacità del personale c'è stato un colpo di reni che ha consentito la riapertura di Seatec, mentre si lavora anche ad altri eventi. Nel nostro distretto Viareggio sta alla nautica come Carrara al marmo, quindi come toscani valorizzando il brand Viareggio valorizziamo tutto il distretto nautico da La Spezia a Livorno. Questo evento ribadisce la necessità di unirsi e creare sinergie, come faremo anche con l'unificazione della Camera di Commercio con quelle di Lucca e Pisa, altra grande opportunità per la nautica, per il rafforzamento del polo fieristico e per l'incremento del turismo.»

 Il direttore di NAVIGO Pietro Angelini, protagonista dell'evento con IMM CarraraFiere, ha dichiarato che la nautica non ha mai venduto tanto come nel 2021: «La barca è stata considerata a livello globale un bene libero e sicuro, di conseguenza la cantieristica è cresciuta. Il nostro settore produce mediamente molto fra i 40 e i 70 mt, dove abbiamo le barche migliori al mondo e adesso stiamo intercettando una clientela più giovane e più clienti charter. Questa crescita porta a molta innovazione perché si vogliono barche sostenibili e tecnologiche. Sarà la barca ad anticipare il tema dell'idrogeno, come vediamo collaborando coi cantieri. E in tema collaborazione dobbiamo capire che oggi non esiste più il singolo distretto di Carrara o Viareggio, esiste invece un distretto che va da La Spezia a Grosseto ed oltre, per cui il nostro target deve essere il Mediterraneo.»

 Angelini ha inoltre parlato della connessione fra i due eventi e della volontà di sviluppare questa collaborazione nei prossimi anni: «Abbiamo deciso di fare in contemporanea Seatec e Yare per consentire una maggiore efficienza alle imprese. Svilupperemo negli anni eventi capaci di avvicinare velocemente il cliente all'impresa con strumenti tecnologici dedicati attraverso le piattaforme per i B2B e con iniziative da Carrara su Viareggio e viceversa. Abbiamo 100 comandanti da tutto il mondo, patrocini e sponsorship di alto livello. L'integrazione fra i due eventi sarà possibile sviluppando insieme gli strumenti tecnologici che rispondono alle aspettative delle aziende in termini di clienti e facendo informazione e formazione. Abbiamo iniziato a lavorare bene insieme e pensiamo che grazie a questa collaborazione la Toscana potrà distinguersi, sul fronte degli eventi, per innovazione e capacità di dialogo fra le imprese.»

 Yare inizia il 16 marzo.  Seatec-Compotec, che si terrà il 17 e 18 marzo, presenterà un centinaio di marchi (venti dei quali esteri) e avrà per la prima volta anche una sezione virtuale che consentirà la partecipazione sia fisica che da remoto agli incontri B2B. Cospicua la presenza di delegati ICE, sia in presenza che online, con circa quaranta professionisti da vari paesi. Non mancheranno, come da tradizione, rilevanti appuntamenti convegnistici sulle tematiche di maggiore attualità del settore, dalla Bolkenstein al riciclo e riuso dei materiali compositi, dalla sostenibilità ambientale al design nautico, dalle startup ai premi dedicati ai designer di imbarcazioni e ai prodotti degli espositori, fino al tema dei progetti nautici nell'ambito della disabilità.

PREVIOS POST
Pianosi e Giacomoni nelle squadre nazionali FIV per il 2022
NEXT POST
Fincantieri, inizia costruzione nuovo terminal MSC di Miami