ARTEMARE Club a Porto S.Stefano

ARTEMARE Club a Porto S.Stefano

Daniele Busetto: grazie PressMare per la diffusione della cultura nautica

Editoriale

04/01/2020 - 18:43
advertising

Riceviamo e con piacere pubblichiamo il testo che segue, inviatoci dal Comandante Daniele Busetto, un paladino della cultura nautica e dell'arte che abbiamo avuto il piacere di conoscere tanti anni fa nella sua galleria romana, Artemare, al tempo un vero e proprio punto d'incontro per tutti quelli come noi, col mare nel sangue. Da allora di acqua sotto i ponti ne è passata parecchia, quel "porto sicuro" di via dell'Acqua Traversa, pieno di quadri, libri e cimeli marinareschi, purtroppo, non esiste più, ma Daniele Busetto, da tempo trasferitosi a Porto Santo Stefano, continua a essere attivissimo paladino del mare e della sua cultura. La sua Artemare è oggi divenuta un Club nel quale continuano a convergere appassionati, non più per acquistare arte, ma per partecipare attivamente alle tante iniziative che Daniele Busetto porta avanti a favore del mare, in primis quella per sensibilizzare alla protezione del suo delicato ecosistema.

Un grazie, dunque, a Daniele Busetto, che spesso arricchisce le colonne di Pressmare riportando le cronache nautiche e marinaresche della sua terra e del suo mare d'adozione, lo splendido Argentario.

"E’ tradizione che ogni fine d’anno si fanno dei consuntivi e uno di questi l'ho fatto inviando gli auguri di buon anno a una mia cara amica che stimo e ammiro. Soffermandomi sulla foto riportata nel suo whattsapp che ritrae lo Zaca davanti al lungomare di Porto Santo Stefano per inviarle in questi giorni delle notizie sulla barca ritratta mi sono ricordato di un mio articolo pubblicato da Pressmare e con una veloce ricerca sul motore di Google l'ho trovato anche tra le notizie più importanti di un Blog internazionale in lingua inglese dedicato a Errol Flynn, titolato "Zaca a Porto Santo Santo Stefano", panfilo centenario che non morirà mai come le belle persone e i buoni sentimenti. Questo è un esempio della potenza del giornalismo della news agency PressMare, un media focalizzato solo su temi nautici e marinareschi, che è letto ormai ovunque nel mondo.

Un’altra riprova di quanto sopra riguarda sempre alcuni miei contributi pubblicati da PressMare e riguardanti “A” il megayacht a vela più grande del mondo in visita all’Argentario: sono stati subito letti a Londra dalla rappresentanza della nave del famoso armatore che ha inviato sempre dei feedback a me e alla redazione.

Posso anche citare l'articolo che ho mandato alla redazione sul VAVA II di Ernesto Bertarelli, vincitore con Alinghi dell'America's Cup. Lo scorso anno quello splendido mega yacht transitò a Porto Santo Stefano e il mio report su PressMare fu ripreso da tanti media nazionali e internazionali, nautici e di lifestyle, dando grande visibilità anche all'Argentario, culla dello yachting con una grande tradizione alle spalle.

Solo negli ultimi tre mesi del 2019 PressMare ha pubblicato circa 30 miei articoli con il guidone ARTEMARE, il Club di cultura marinara con sede operativa a Porto Santo Stefano che ho l'onore di presiedere, riportando notizie di mare dell'Argentario sui Rotary locali, su eventi e attività istituzionali e associative, sulle professioni per i giovani, sulle regate, sui molti yacht famosi in sosta, sulle campagne ambientali e un flash mob caraibico nella Costa d’Argento, sicuramente letti in Italia e in paesi di "oltremare".

Come ha detto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel messaggio di fine d’anno, entriamo negli anni venti del nuovo secolo e noi italiani dobbiamo promuovere i nostri tesori, la nostra cultura e il nostro invidiato ambiente. E noi di cultura, specie quella marinara ne abbiamo migliaia di anni, fatta di uomini, barche e di storia. La nostra penisola è circondata da 8.000 chilometri di coste tra le più belle del mondo, con più di 600 circoli nautici, siamo leader nella costruzione di navi da crociera e grandi yacht, e nel 2020 saremo la nazione più velista del mondo grazie alla sfida di Prada-Pirelli all’America’s Cup e una Barcolana sempre più nel Guinness dei primati per le migliaia di barche partecipanti.

Bisogna approfittarne e per questo è necessario che da noi tutti che scriviamo di mare, arrivi un messaggio ancora più forte di cultura nautica, perché tutti comprendano che è solo il mare che realmente “connette il mondo” e che può portare tanto benessere con la cosiddetta economia blu per coloro che “ ... il mare lo amano, lo navigano, lo praticano sopra e sotto, lo rispettano, lo proteggono, lo documentano, lo recitano, lo musicano, lo dipingono e lo rendono accessibile a tutti”, com'è nel motto di ARTEMARE Club.

E io m'impegno a scrivere di mare sempre di più! Grazie PressMare e buon 2020 marinaresco a tutti.

PREVIOUS POST
Bilancio della classe O'Pen Skiff e le novità attese per il 2020
NEXT POST
Continua il recupero del waterfront veneziano in area portuale