Il titolo italiano di GT30 è ancora del Rainbow Team

Il titolo italiano di GT30 è ancora del Rainbow Team

Il titolo italiano di GT30 è ancora del Rainbow Team

Sport

01/11/2022 - 19:02
advertising

Il Rainbow Team porta a casa per il secondo anno consecutivo il titolo nazionale di GT30. L’obiettivo era palpabile dall’inizio della stagione ed è infatti stato raggiunto nell’ultima tappa di Boretto (RE) - di sabato 29 e domenica 30 ottobre - che ha incoronato ancora una volta un pilota della scuderia di Casale Monferrato come campione d’Italia nella più importante delle categorie giovanili della motonautica.

Il comasco Guglielmo Martinelli ha concluso la classifica generale al primo posto - precedendo di 10 punti il secondo in graduatoria Marco Meneghello - succedendo nell’albo d’oro al compagno di scuderia casalese Oleg Bocca, campione d’Italia in carica e giunto terzo in classifica con solo due gare all’attivo, essendo subentrato a stagione in corso sostituendo l’indisponibile Nicolò Cosma (il giovane Bocca, infatti, nel 2022 si è principalmente concentrato sulla Formula 4).

«Un successo che dimostra il valore dell’intera squadra a livello giovanile - spiega il team principal Fabrizio Bocca - E non a caso, negli ultimi anni, la nostra attenzione è stata rivolta soprattutto alle leve di domani, nella speranza di continuare a portare altri titoli a Casale». Dopo una vittoria esaltante arriva il momento decisamente più complicato della conferma, che è arrivata grazie anche a un affiatamento unico che contraddistingue il team monferrino: «Il supporto tecnico di Oleg è stato a dir poco prezioso - racconta la team manager Elisa Bocca - Guglielmo ha infatti pilotato l’imbarcazione guidata da Oleg lo scorso anno: i suoi consigli e il confronto tra i due sono stati fondamentali».

Nel fine settimana emiliano sono stati protagonisti anche i più giovani driver impegnati nel Campionato italiano di Formula Junior Élite. Giulio Rimondotto, Francesco e Vincenzo Galofaro hanno corso rappresentando i colori arcobaleno del Rainbow Team: a un weekend di gare poco esaltante hanno fatto comunque seguito i piazzamenti lusinghieri in classifica generale, che racconta di Rimondotto al quarto posto, Francesco Galofaro in sesta posizione e il fratello Vincenzo tredicesimo. «Le prestazioni dei nostri giovanissimi sono state in costante crescita, gara dopo gara - spiega ancora Fabrizio Bocca - Nel corso dell’anno hanno avuto modo di accumulare esperienza ed entrare in contatto con grandi campioni: siamo sicuri che con piccoli accorgimenti in futuro potranno togliersi soddisfazioni» conclude il campione del mondo in F1H2O nel 1992.

 

advertising
PREVIOS POST
Porto di Viareggio: approvato piano d'intervento per lo studio dei fondali del porto
NEXT POST
Successo per la XXIX Regata dei Legionari, nel dopo pandemia