Helly Hansen Salt Coastal Jacket

Helly Hansen festeggia i 40 anni della Salt Coastal Jacket

Accessorio

02/09/2021 - 16:57
advertising

Dallo storico viaggio inaugurale dell'equipaggio del Berge Viking alla Whitbread Round the World Race del 1981 sono passati esattamente quarant'anni. Helly Hansen celebra la nascita di quella iconica cerata con la nuova edizione della Salt Coastal Jacket, una cerata di livello professionale per la navigazione costiera.

La nascita di una leggenda

Nel 1981, per la prima volta un equipaggio interamente norvegese prese parte alla leggendaria Whitbread Round the World Race, diventata negli anni successivi The Volvo Ocean Race e, infine, solo The Ocean Race, come la conosciamo oggi. Già allora questa regata a tappe attorno al mondo era considerata la più impegnativa competizione di vela d'altura in equipaggio. Per l'occasione, il team capitanato da Peder Lunde si rivolse a Helly Hansen, il brand di Oslo che dal 1877 vestiva marinai e velisti nelle più dure condizioni di navigazione, rinomato per le sue innovazioni tecnologiche.

Quando l'8 agosto 1981 le ventinove barche partecipanti alla Whitbread Round the World Race lasciarono il porto di Portsmouth sulla costa meridionale dell'Inghilterra, l'intero equipaggio del Berge Viking indossava delle innovative cerate rosse decorate con una banda orizzontale bianco-blu, inequivocabilmente ispirate alla bandiera norvegese. Da quel momento la Salt Jacket di Helly Hansen è diventata parte dell'immaginario collettivo del mondo della vela, e parte integrante della cultura norvegese, tanto da essere indossata in barca come a terra.

Sulla genesi della Salt Jacket ci sono versioni discordanti. Secondo alcuni, in un mondo in cui tutte le cerate da vela erano rosse, l'equipaggio del Berge Viking voleva distinguersi e omaggiare la propria nazione di origine aggiungendo le bande bianche e blu. Secondo altre fonti, fin dall'inizio dello sviluppo di queste innovative cerate i designer di Helly Hansen avevano aggiunto le iconiche strisce orizzontali. Qualunque sia la verità, persino durante i mesi della competizione Helly Hansen continuò lo sviluppo della Salt Jacket fornendone nuove e aggiornate versioni all'equipaggio.

Una pietra miliare della vela norvegese

L'inizio della regata del Berge Viking, uno Swan 57 progettato dal leggendario studio Sparkman & Stephens, fu fulminante. L'imbarcazione norvegese si portò in testa alla flotta, finché si ruppe lo strallo. In qualche modo l'equipaggio comandato da Peder Lunde riuscì a usare lo spinnaker per raggiungere Cape Town in Sudafrica ancora in quarta posizione. Il Berge Viking attirò subito l'attenzione dei norvegesi ben oltre il ristretto giro dei velisti, tanto che per soddisfare il desiderio di informazioni una rivista di vela attivò persino una segreteria telefonica aggiornata ogni sei ore sullo stato della competizione.

Dopo 125 giorni di navigazione, il Berge Viking completò il suo giro del mondo in ottava posizione, e la sua avventura diventò una pietra miliare nella storia della vela norvegese. Con loro, la Salt Jacket di Helly Hansen e le sue bande orizzontali erano già diventate un riferimento di stile e prestazioni. Dopo quel primo fantastico viaggio, il Berge Viking ha affrontato molte spedizioni, dall'Atlantico all'Antartide e bon oltre l'ottantesimo parallelo nord. Anche il viaggio di Helly Hansen è continuato, affermandosi come leader mondiale della vela e mantenendo costate la sua presenza in The Ocean Race, i cui equipaggi indossano oggi la collezione Aegir, una linea di abbigliamento oceanico ultra professionale e protettivo.


 

I primi quarant'anni della Salt Jacket

A 40 anni di distanza la Salt Jacket è passata attraverso innumerevoli sviluppi e varianti di colore oltre a quello tradizionale norvegese, affermandosi come un classico per la navigazione costiera. Per celebrare il legame con i professionisti della vela del Berge Viking, e di tutti i velisti professionisti con cui Helly Hansen collabora ancora oggi, il brand norvegese presenta la nuova Salt Coastal Jacket, l'ultima evoluzione di quella originale cerata custom disegnata per l'equipaggio del Berge Viking.

"La prima regata dell'equipaggio del Berge Viking è una pietra miliare nella storia della vela norvegese - spiega Øyvind Vedvik, category managing director Sailing di Helly Hansen - Come marchio norvegese siamo orgogliosi di celebrare questo evento della nostra tradizione con un design classico e senza tempo che integra caratteristiche prestazionali e funzionali di livello professionale. E ovviamente con la tradizionale banda orizzontale sul petto."

La Salt Coastal Jacket utilizza un tessuto laminato a due strati Helly Tech Performance con membrana impermeabile, traspirante e antivento, integrando soluzioni e dettagli funzionali suggeriti dai velisti professionali che collaborano con Helly Hansen: doppia chiusura sui polsi, design a 6 tasche, cappuccio regolabile ad alta visibilità, collo protettivo rialzato e riflettori certificati Solas. Sviluppata per essere leggera ma duratura, con una finitura idrorepellente DWR senza PFC rispettosa dell’ambiente, la Salt Coastal Jacket è disponibile in versioni specifiche da uomo e donna e può essere completata con i Salt Coastal Bib per una protezione professionale da acqua e vento.


 

advertising
PREVIOS POST
Mattia Cesare Valentini argento alla XXXVI Coppa PrimaVela a Cagliari
NEXT POST
Prevista a febbraio 2022 la consegna del quarto 50m Tankoa