Flotta Ferretti

Flotta Ferretti

Ferretti: via libera al progetto nell'area portuale ex Yard Belleli di Taranto

Servizio

06/04/2023 - 15:06

Decisivo passo in avanti per il progetto di Ferretti Group nell’area portuale ex yard Belleli di Taranto che permetterà la realizzazione di un insediamento industriale per la costruzione di modelli e stampi per la produzione di scafi per yacht di lusso, coperte e sovrastrutture in composito e carbonio oltre ad un centro di ricerca per materiali avanzati.

Si è conclusa ieri la conferenza di servizi decisoria di cui all’art. 252 bis c.a. presieduta dal Ministero dell’Ambiente e della sicurezza energetica, con l’approvazione da parte di tutte le amministrazioni pubbliche intervenute, del progetto definitivo di bonifica e sviluppo industriale.

Potranno pertanto avere inizio le gare per l’affidamento dei lavori per la messa in sicurezza permanente da un punto di vista sanitario e ambientale, con l’obiettivo di preservare le matrici ambientali non contaminate,  suolo, sottosuolo, acque sotterranee, aria e area marina antistante allo stabilimento produttivo, che permetteranno l’avvio anche della  seconda fase che riguarderà la costruzione e l’esercizio degli impianti e delle opere connesse per la realizzazione dello stabilimento da parte di Ferretti Group.

Ferretti Group è stato assistito dallo Studio Legale Capece Minutolo Giuliani come advisor legale di Ferretti Group per l’intera operazione.

“Il parere positivo della conferenza dei servizi è il via libera che aspettavamo per procedere con un progetto che si inserisce perfettamente nelle linee strategiche di Ferretti Group. Ringrazio il Ministero, la Regione Puglia e tutte le istituzioni per l’attenzione e la collaborazione riservata alla nostra iniziativa industriale”, ha commentato l’Avv. Alberto Galassi, CEO di Ferretti Group. Questo insediamento diventerà un centro di eccellenza; all’avanguardia sia per il livello di tecnologia che per il rispetto dell’ambiente, rafforzando ulteriormente la nostra capacità produttiva.

 

PREVIOUS POST
Isa Yachts: venduta quarta unità Extra X96 Triplex
NEXT POST
L'ultimo viaggio dell'Octavius