Soulaima ha vinto il XXVIII Campionato Autunnale del Golfo di Napoli

Soulaima ha vinto il XXVIII Campionato Autunnale del Golfo di Napoli

Soulaima ha vinto il XXVIII Campionato Autunnale del Golfo di Napoli

Sport

10/11/2022 - 21:54
advertising

Soulaima, la barca a vela X-Yachts X-35 targata ALA che difende i colori del Reale Yacht Club Canottieri Savoia, ha vinto il XXVIII Campionato Autunnale del Golfo di Napoli. La classifica parla chiaro: il team velico si è posizionato al primo posto in tutte e cinque le regate previste dal Campionato organizzato dalla Lega Navale Italiana di Napoli.

Le regate si sono svolte con un vento leggero (6-8 nodi), condizione meteorologica che richiede grandi capacità tattiche e tecniche; capacità che l'equipaggio ha dimostrato di avere sin da subito.

Fulvio Scannapieco, presidente di Ala, e Vittorio Genna, vicepresidente (promotori del progetto aziendale dedicato alla vela), sono estremamente soddisfatti del risultato ottenuto.

"Il nostro è un progetto che mira a coinvolgere ALA e i suoi dipendenti in un'esperienza unica nel suo genere. La vela incarna molti dei valori che ci guidano e su cui abbiamo costruito il nostro percorso di crescita: il lavoro di squadra, prima di tutto, perché come nelle competizioni veliche anche nelle imprese il risultato dipende da tutti i componenti del team ma anche il legame con il territorio e in particolare con la nostra città, che vanta uno dei Golfi più belli del mondo. È per questo che non possiamo che essere fieri di tutti coloro che hanno rappresentato la nostra azienda nel Campionato che si è appena concluso e che, sin da subito, hanno creduto in questo progetto." hanno commentato i soci.

Nel frattempo, l'equipaggio composto da Davide Russo, Matteo Bosco, Salvatore Castaldo, Silvia d'Ambrosio, Guido D'Errico, Fabio Grasso, Giovanni Guarnieri e Andrea Zingone sta partecipando al Campionato Invernale Vela d'Altura del Golfo di Napoli.
 

advertising
PREVIOS POST
10° Campionato della Lanterna: nel week end le regate di chiusura
NEXT POST
Mercury 2.5 e 3.5 HP, motori trasportabili col DNA dei grandi fuoribordo