La Tenuta Migliarina

La Tenuta Migliarina

Storia di un Rinascimento enologico

Lifestyle

01/06/2018 - 18:23
advertising

Incastonata sulle meravigliose colline toscane della Val D'Arno di Sopra tra le città di Arezzo, Siena e Firenze, la tenuta di Migliarina e Montozzi, proprietà della famiglia Bartolini Baldelli da secoli, deriva dall'accorpamento gestionale delle due grandi omonime aziende: la Fattoria di Migliarina ed il Castello di Montozzi.

Si estende su un territorio di 620 ettari, di cui 200 di seminativi, 25 di vigneti e 25 di oliveti, il restante è bosco ceduo. Nell’Archivio Bartolini Baldelli si conservano documenti che attestano le produzioni ed i valori economici delle merci prodotte già dal 1500.

Fin dai tempi di Cosimo III dei Medici e del suo famoso bando del 1716, l'area del Val D'Arno di Sopra è considerata una delle migliori zone della Toscana per la produzione di vino. Da alcuni anni un gruppo di aziende, con storia e dimensioni diverse, ma accomunate dalla volontà di far tornare questo territorio agli antichi splendori sotto il profilo di notorietà enologica, ha ricostruito la denominazione seguendo i confini originari del Bando di Cosimo dei Medici.
Il Consorzio di Tutela sta portando avanti alcune modifiche al disciplinare con l'obiettivo di far nascere, a breve, la prima DOC al mondo interamente biologica.
Un vero Rinascimento enologico.

Dal 2010 alla guida dell’azienda ci sono i cugini Antonio e Carlo Bartolini Baldelli che con grande esperienza e tradizione, tramandata nei secoli, hanno portato una nuova  conduzione interamente biologica, il loro approccio all’agricoltura è totalmente sostenibile ed a basso impatto ambientale. In vigna e nei campi sono utilizzati solo metodi di diserbo meccanico e concimazioni organiche, in cantina è rispettato il protocollo che impone stringenti limiti all'uso di elementi antiossidanti, come i solfiti, causa spesso di intolleranze e allergie.

La qualità del vino resta però elevata ed impeccabile. Prodotto in prevalenza con uve Sangiovese, raccolte rigorosamente a mano.

All’ultima edizione del Versilia Yachting Rendez Vous ha fatto il suo ingresso nella nautica a bordo del Gozzo di ApreaMare.

I vini della Tenuta:
Il Chianti Superiore DOCG Villa Migliarina a base di Sangiovese e Canaiolo.
Un vino più giovane fermentato a temperatura controllata e maturato in cemento e acciaio, carico di freschezza e di profumi, adatto ad ogni occasione e godibile ogni giorno; spesso premiato dalla guida di Slow Wine con la menzione di “vino quotidiano”.

La Riserva Val D'Arno di Sopra DOC Castello di Montozzi è la selezione del miglior Sangiovese fermentato a temperatura controllata in cemento e maturato per 12 mesi in tonneaux di rovere francese. Sviluppa tutta la sua complessità con sentori di frutti di sottobosco ed un finale balsamico; un vino che tra i suoi riconoscimenti vanta numerose menzioni su Decanter e la Guida l’Espresso.

Presso il Castello di Montozzi, nei locali delle cantine storiche, nel salone della Villa o nel parco storico si organizzano degustazioni dei prodotti prenotando sul sito www.castellodimontozzi.it.

Nel complesso non solo degustazione, ma anche ospitalità.
Il territorio circostante di Montozzi, con le imperdibili colline e la natura, è lo scenario perfetto per chi cerca una sistemazione che unisca charme, comodità e storia.
La tenuta di Migliarina offre la possibilità di soggiornare in appartamenti all’interno della Villa o della vecchia Locanda.
La Villa, in stile neoclassico, ha soffitti decorati con affreschi e stucchi originali e fu costruita da Francesco Martini nel 1829 su disegno di Angelo Caprilli. È circondata da un ampio giardino arrichito da statue in terracotta e da una cappella privata. Intorno alla Villa si estende la fattoria di oltre 500 ettari fra boschi di quercia, vigneti, uliveti e campi di grano.
http://www.migliarina.it/

advertising
PREVIOS POST
Parte domani la XIII edizione della "1000 Vele per Garibaldi"
NEXT POST
Marina Militare: Nave Alpino in sosta a New York dal 1 al 5 giugno