IP in China: a roadmap to the future, il webinar dello Studio Ferrante

IP in China: a roadmap to the future, il webinar dello Studio Ferrante

IP in China: a roadmap to the future. La proprietà intellettuale in Cina

Servizio

29/10/2020 - 19:46
advertising

Ferrante Intellectual Property organizza per il giorno 28 ottobre alle ore 12,00 italiane, un webinar dal titolo “IP in China: a roadmap to the future”. Questo il link per registrarsi sulla piattaforma zoom: https://zoom.us/webinar/register/WN_P3WI5JN-S_S0Dc-SHNWn6g (copiare e incollare la url sul proprio browser)

Ferrante Intellectual Property è uno Studio specializzato in materia di proprietà industriale e intellettuale, specie in Cina e nel Sud-Est asiatico dove ha diverse sedi. Il webinar in questione tratta di un argomento di grande attualità e interesse, visto che prende in esame i più recenti sviluppi normativi introdotti dalla Cina proprio in materia di Proprietà Intellettuale: registrazione di marchi, brevetti, modelli e disegni, e diritti d'autore.

Il webinar di mercoledì prossimo, 28 ottobre, sarà moderato da Sarah Harris, caporedattore di JIPLAP (Oxford University Press) e vedrà la partecipazione di un panel di grandi esperti: Michele Ferrante – Founder and Managing Partner of Ferrante Intellectual Property - Luna Bianchi – IP Legal Council of Luxury Italian Fashion Brand – Dr. Hugo Chen – Former judge in China and currently an arbitrator of Shenzhen Court of International Arbitration (SCIA) – Mr. Thomas Jullien – Bordeaux Wine Council Representative in China – Mr. James Wang – Partner at Ferrante Intellectual Property.

Saranno testimonianze preziose in primis per la conoscenza della materia e poi per l’implementazione di strategie di lotta alla contraffazione e nella gestione del portfolio di diritti di PI, sempre di grande attualità per tutte le imprese che si relazionano con il mercato globale.

advertising
PREVIOS POST
Un contributo sardo alla Vendée Globe, l’Everest della vela
NEXT POST
Dagli imprenditori del “Port of Venice” “mano tesa”e una “scialuppa” al nuovo presidente