COP26 Event: Funding the sustainable blue economy

Cambiamento climatico: COP26, Finanziare la Blue Economy

Ecologia

12/11/2021 - 10:17
torqueedo
torqueedo

L’iniziativa del seminario COP26, finanziare la Blue Economy, fa capo al Programma di finanziamento delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP FI) ed è una partnership tra le Nazioni Unite per l'ambiente e il settore finanziario globale creata sulla scia del Summit della Terra del 1992 con la missione di promuovere la finanza sostenibile.

Più di 240 istituzioni finanziarie, tra cui banche, assicuratori e investitori, collaborano con UN Environment per comprendere le sfide ambientali, sociali e di governance di oggi, perché sono importanti da finanziare e come partecipare attivamente per affrontarle. Il lavoro di UNEP FI include anche una forte attenzione alla politica, facilitando i dialoghi a livello nazionale tra professionisti finanziari, supervisori, regolatori e responsabili politici e, a livello internazionale, promuovendo il coinvolgimento del settore finanziario in processi come i negoziati globali sul clima.

Per mantenere 1,5 gradi a portata di mano, abbiamo bisogno di un oceano sano. Essendo il più grande pozzo naturale di carbonio della terra, l'oceano ha già assorbito 1/3 delle emissioni totali di CO2 antropogeniche dagli anni '80, tuttavia ciò ha avuto un costo, portando a un aumento dell'acidificazione, al riscaldamento e a danni a questo ecosistema critico. L'oceano è al nesso delle triplici crisi planetarie; cambiamenti climatici, perdita della natura e inquinamento, ma è ora che l'oceano sia visto non come parte del problema, ma come parte della soluzione. Un oceano sano significa un pianeta ossigenato. Significa abbondante vita marina e sicurezza alimentare per miliardi di persone. Significa un pozzo di carbonio funzionante per aiutare a sequestrare i gas serra, anche se le nostre economie passano a un futuro energetico a basse emissioni. Garantendo la sostenibilità delle attività umane che hanno un impatto diretto e dipendono dall'oceano, possiamo ricostruire la prosperità degli oceani e ripristinare la biodiversità. Attività come la navigazione, la pesca, il turismo costiero, i porti, l'energia rinnovabile marina e altro ancora devono passare rapidamente a un'economia blu sostenibile, che rimane eccezionalmente sottofinanziata.

Questa sessione si concentra su come possiamo mobilitare i flussi finanziari pubblici e privati provenienti da banche, assicuratori e investitori, verso un'industria oceanica sostenibile che offra un immenso potenziale per la mitigazione e l'adattamento ai cambiamenti climatici, utilizzando quadri e iniziative chiave, tra cui il Sustainable Blue Economy Finance Principi - per ricostruire, rinnovare e ricostituire l'oceano - per le persone e il pianeta.

 

Relatori:

 - Mr Peter Thomson, inviato speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite per l'Oceano

- Ms Gabriella Kossmann, Senior Adviser, Agenzia norvegese per la cooperazione allo sviluppo

- Mr Justin Mundy, Strategic Advisor, Willis Towers Watson. Presidente, SLM Partners

- Ms Piera Tortora, Coordinator of Sustainable Ocean for All Initiative, OCSE

- Mr Chip Cunliffe, Direttore della biodiversità, AXA XL - Ms Louise Heaps, Head of Sustainable Blue Economy, WWF

 

Per iscriversi al seminario online, copiare e incollare la stringa qui sotto, nel proprio browser di navigazione:

https://www.brighttalk.com/webcast/17290/517645?utm_source=UNEnvironmentFinanceInitiative&utm_medium=brighttalk&utm_campaign=517645

Filippo Ceragioli

PREVIOS POST
Fuoribordo Yamaha: una nuova generazione di V6 "classe premium"
NEXT POST
Floating Life svela l'FL42 il primo modello della FL Serie