Heesen Yachts annuncia di essere di nuovo al 100% olandese

Superyacht

19/05/2022 - 17:57
advertising

Heesen Yachts informa che oggi, 19 maggio 2022, la proprietà del cantiere è stata trasferita alla Fondazione Heesen, tornando così a essere al 100% olandese.

Nello scorso mese di marzo, ricordiamo, i russi Pavel Sukhoruchkin e Pavel Novoselov, membri del consiglio di amministrazione di Heesen Yachts, si erano dimessi dalle loro cariche benché né loro né Vagit Alekperov, dal 2016 azionista di riferimento del famoso cantiere olandese, comparissero negli elenchi delle sanzioni internazionali inflitte alla Russia e ai suoi oligarchi, a causa dell’invasione dell’Ucraina.

Heesen Yachts, brand specializzato nella realizzazione di superyacht in metallo, fondato 30 anni fa da Frans Heesen, dal 2016 era passato sotto il controllo di Alekperov, uno degli uomini più ricchi di Russia, fra l’altro armatore di Galactica Super Nova, superyacht Heesen varato proprio nello stesso anno. Con gli oltre 70 metri di lunghezza fuori tutto, Galactica Super Nova è il mega yacht più grande mai realizzato cantiere.

Grazie alla transazione odierna, le azioni di Heesen sono state trasferite dalla holding olandese del gruppo a una Fondazione indipendente, che ha nel proprio consiglio Arthur Brouwer e Anjo Joldersma. L'obiettivo della Fondazione è “garantire un futuro di successo al cantiere e la continuità del lavoro per i dipendenti altamente qualificati di Heesen Yachts, occupati nelle sedi di Oss e di Winterswijk.

L'azienda – riporta il comunicato rilasciato poco fa - è finanziariamente sana e redditizia, e la sua dirigenza ha intrapreso azioni tempestive per garantire il suo futuro. Con il portafoglio ordini di Heesen Yachts pieno, i suoi dipendenti possono continuare a lavorare con la loro solita dedizione e impegno per finire i 13 yacht attualmente in costruzione. Il team commerciale può ora lavorare con sicurezza con i nuovi clienti per costruire lo yacht dei loro sogni."

advertising
PREVIOS POST
Venezia, protagonista della grande nautica
NEXT POST
Nicolò Renna secondo, in recupero anche gli altri italiani