Inizia la traversata atlantica per la campagna Ready for Operation

Inizia la traversata atlantica per la campagna Ready for Operation

Inizia la traversata atlantica per la campagna Ready for Operation

Sport

03/02/2021 - 16:31
advertising

Terminata la breve sosta logistica in porto a Rota (Spagna), Nave Cavour ha iniziato la traversata atlantica che la porterà a Norfolk sulla costa orientale degli Stati Uniti, lasciando sulla sua scia di poppa l’Europa e il Mar Mediterraneo. Partita dalla Stazione Navale Mar Grande di Taranto il 28 gennaio scorso, con il saluto all’equipaggio del ministro della Difesa Lorenzo Guerini accompagnato a bordo dal Capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Enzo Vecciarelli, dal Capo di Stato Maggiore della Marina, ammiraglio di Squadra Giuseppe Cavo Dragone, e dal comandante in capo della Squadra Navale, ammiraglio Paolo Treu, l’ammiraglia della Marina Militare italiana ha orientato la prora in direzione della base navale della seconda flotta statunitense in Virginia, per la Campagna denominata “Ready For Operations” (RFO), per iniziare il processo di certificazione all’impiego operativo dei nuovissimi velivoli del programma Joint Strike Fighter (JSF) F-35B.

L’importanza “strategica” della Campagna di Nave Cavour è stata più volte sottolineata dal Capo di Sato Maggiore della Marina Militare che ha evidenziato come “questi impegni, ad elevatissimo contenuto tecnico-operativo” siano “fondamentali per rafforzare il peculiare potenziale expeditionary abilitante per tutto lo strumento militare nazionale” in quanto racchiude le capacità strategiche di proiettare e impiegare a 360° le potenzialità militari a tutela degli interessi nazionali e a grande distanza dalle basi nazionali: grazie alla rapidità di intervento, all’autonomia logistica e alla disponibilità di varie capacità operative di supporto.

"Si tratta certamente - ha detto il ministro Guerini dal ponte di volo della portaerei durante il suo saluto all’equipaggio - di un'attività di natura tecnico-operativa, ma con risvolti importanti sul piano strategico-militare per la Difesa e per il Paese nel panorama internazionale. Un risultato che non sarebbe stato raggiunto senza la tenacia, la professionalità, l'abnegazione di donne e uomini che credono fortemente nella loro professione e nella loro missione, pronti a dimostrare le loro capacità in ogni occasione, generosi e straordinari 'professionisti del Mare'”.

La portaerei Cavour, al comando del capitano di vascello Giancarlo Ciappina e con un equipaggio di circa 600, uomini e donne provenienti da ogni regione d’Italia, che, nonostante le avversità del periodo storico dovute alla pandemia in atto, naviga oggi alla volta degli USA per consentire all’Italia di rafforzare il proprio rango nel complesso quadro geostrategico in cui viviamo.

Terminata la breve sosta logistica in porto a Rota (Spagna), Nave Cavour ha iniziato la traversata atlantica che la porterà a Norfolk sulla costa orientale degli Stati Uniti, lasciando sulla sua scia di poppa l’Europa e il Mar Mediterraneo. Partita dalla Stazione Navale Mar Grande di Taranto il 28 gennaio scorso, con il saluto all’equipaggio del ministro della Difesa Lorenzo Guerini accompagnato a bordo dal Capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Enzo Vecciarelli, dal Capo di Stato Maggiore della Marina, ammiraglio di Squadra Giuseppe Cavo Dragone, e dal comandante in capo della Squadra Navale, ammiraglio Paolo Treu, l’ammiraglia della Marina Militare italiana ha orientato la prora in direzione della base navale della seconda flotta statunitense in Virginia, per la Campagna denominata “Ready For Operations” (RFO), per iniziare il processo di certificazione all’impiego operativo dei nuovissimi velivoli del programma Joint Strike Fighter (JSF) F-35B.

L’importanza “strategica” della Campagna di Nave Cavour è stata più volte sottolineata dal Capo di Sato Maggiore della Marina Militare che ha evidenziato come “questi impegni, ad elevatissimo contenuto tecnico-operativo” siano “fondamentali per rafforzare il peculiare potenziale expeditionary abilitante per tutto lo strumento militare nazionale” in quanto racchiude le capacità strategiche di proiettare e impiegare a 360° le potenzialità militari a tutela degli interessi nazionali e a grande distanza dalle basi nazionali: grazie alla rapidità di intervento, all’autonomia logistica e alla disponibilità di varie capacità operative di supporto.

"Si tratta certamente - ha detto il ministro Guerini dal ponte di volo della portaerei durante il suo saluto all’equipaggio - di un'attività di natura tecnico-operativa, ma con risvolti importanti sul piano strategico-militare per la Difesa e per il Paese nel panorama internazionale. Un risultato che non sarebbe stato raggiunto senza la tenacia, la professionalità, l'abnegazione di donne e uomini che credono fortemente nella loro professione e nella loro missione, pronti a dimostrare le loro capacità in ogni occasione, generosi e straordinari 'professionisti del Mare'”.

La portaerei Cavour, al comando del capitano di vascello Giancarlo Ciappina e con un equipaggio di circa 600, uomini e donne provenienti da ogni regione d’Italia, che, nonostante le avversità del periodo storico dovute alla pandemia in atto, naviga oggi alla volta degli USA per consentire all’Italia di rafforzare il proprio rango nel complesso quadro geostrategico in cui viviamo.

advertising
PREVIOS POST
Conversione al GPL consente l'abbattimento degli inquinanti
NEXT POST
Custom Yacht Quality: la qualità percepita e quella reale