Artemare Club: Tutti in Tivu c’è l’Argentario a Linea Blu

Artemare Club: Tutti in Tivu c’è l’Argentario a Linea Blu

Artemare Club: Tutti in Tivu c’è l’Argentario a Linea Blu

Servizio

06/11/2020 - 15:41
advertising

E Artemare nostro informatore con tutti i suoi soci e simpatizzanti saranno i primi a vedere sabato 7 novembre alle ore 14 su RAI 1 un nuovo viaggio di Linea Blu con Donatella Bianchi e il suo staff all’Argentario, Orbetello e le aree limitrofe della Maremma. Dalle indiscrezioni di chi ha seguito la troupe molto interessante sarà l’intervista con il dott. Fabrizio Palumbo direttore tecnico di PortArgentario che parlerà di yachting e cruising e del progetto che ha vinto il premio Clia come migliore destinazione crocieristica dell’anno 2019 con la sperava di poter cogliere nel 2021 i frutti di un lavoro serio e mirato che l’emergenza ha fortemente limitati tutto e tutti nella operatività nell’anno in corso.

Altro location delle riprese sarà lo splendido Boutique Hotel Torre di Cala Piccola, magistralmente diretto da Stefania Marconi, che prende il nome dalla torre saracena costruita dai pisani nel XV secolo. È proprio da questa torre d’avvistamento, rimasta integra nei secoli che iniziò il sogno dell'imprenditore Carlo Bertuzzi e della sua compagna Nina Benini che lo realizzarono acquistando la torre nel 1957 e costruendo una struttura di grande qualità e accoglienza, immersa nella natura senza eguali dell’Argentario.

Linea Blu, come ormai da oltre 20 anni, torna per raccontare la bellezza del nostro mare, la sua fragilità, la sua importanza non solo per la ricchezza di biodiversità che custodisce ma in quanto culla delle grandi civiltà del passato. L'obiettivo principale di Lineablu è quello di sviluppare la cultura del mare, con le sue potenzialità economiche e sociali, ponendo sempre grande attenzione ai problemi ambientali ed alla sicurezza, valorizzando le diverse tradizioni marinare e i luoghi di un'Italia insulare talvolta dimenticata.

advertising
PREVIOS POST
In uscita ...nessuno il nuovo romanzo di Alberto Cavanna
NEXT POST
Accordo per valorizzare la potenzialita' dei Punti Franchi