Nord alla fonda davanti a Talamone

Nord, uno dei megayacht più grandi del mondo a Talamone

Storia e Cultura

22/08/2021 - 15:36
baglietto
baglietto

Sono passati migliaia di anni da quando la nave Argo atterrò nelle Contrade Marittime e grazie alla forza e alla perizia di Telamon, uno dei 50 Argonauti, fu evitato il naufragio e cosi per ringraziare gli dei dello scampato pericolo gli eroi del vello d'oro fondarono Talamone. Questa è leggenda marinara, ieri invece un gioiello di 142 metri, frutto dell'opera dei cantieri tedeschi Lurssen, è rimasto fino sera nelle acque di fronte al porto di Talamone, prima di ripartire e continuare la sua crociera nei posti più belli del Mediterraneo.

Il suo arrivo non è passato inosservato al dott. Lupo Rattazzi simpatizzante di Artemare Club e lo ha segnatato per whatsapp all'Associazione che si è subito attivata per documentare tale gioiello di 142 metri di proprietà del miliardario russo Alexey Mordashov, principale azionista e presidente di Severstal, un conglomerato russo con interessi in società metallurgiche, energetiche e minerarie. Il maestoso yacht costruito nei cantieri tedeschi Lurssen di Brema è "brand new", ha preso il mare  nei primi mesi del 2021 e
può ospitare fino a 36 persone, oltre all'equipaggio e può contare oltre a palestra, ascensore, piscina e sala cinema anche su 6 ponti e 20 cabine elicottero e sommergibile, ha un valore pari a 500 milioni di dollari.

Ad Artemare Club piace ricordare che Nord a livello mondiale, è il decimo per grandezza prima di lui ci sono  Azzam di 179,7 metri del 2013 di Khalifa bin Zayed Al Nahyan,  Fulk Al Salamah di 164 metri del 2016 della Omani Royal Family,  Eclipse di 162,50 metri del  2009 di Roman Abramovich Blohm, Dubai di 162 metri del  2006 di Mohammed bin Rashid Al Maktoum, Dilbar di 156 metri del 2016 di Alisher Usmanov, Al Said di 155 metri del 2007 del Sultano Qaboos of Oman, Prince Abdulaziz  di 147 m del 1984 della Saudi Royal Family, A+ di 147 metri del 2012 di Mansour bin Zayed Al Nahyan e  lo storico El Mahrousa di 145.72 metri del  1865 dell' Arab Republic of Egypt.

Questi importanti panfili sono chiamati internazionalmente "megayachts" o "gigayachts" perché sopra i 60 metri di lunghezza, i superyacht sono invece quelli dai 37 metri fino a 60 metri.

PREVIOS POST
Partenze per Gorla e Centomiglia nelle acque del Garda
NEXT POST
Nuova line-up WaveRunner 2022: dove tradizione e innovazione si incontrano