Il Palinuro ripreso sopravento in navigazione davanti all'Argentario

Il Palinuro ripreso sopravento in navigazione davanti all'Argentario

L' Argentario saluta il passaggio della nave scuola Palinuro

Storia e Cultura

12/08/2022 - 21:54
advertising

Venerdì 12 agosto, Alberto Morici direttore sportivo del Circolo Nautico e della Vela Argentario e sostenitore di Artemare Club ha incrociato sul suo gommone di 7 metri la nave scuola Palinuro nel canale tra l'Isola del Giglio e il promontorio dell'Argentario. Affiancandosi al veliero sopravvento a debita distanza lo ha salutato marinarescamante
secondo l'etichetta navale.

La nave goletta o meglio "bergantina" Palinuro è la nave scuola della Marina Militare Italiana in linea di massima impiegata a favore degli allievi sottufficiali, di qualsiasi categoria e specialità, frequentanti il corso normale marescialli presso la Scuola sottufficiali di Taranto e degli allievi della Scuola navale militare Francesco Morosini di Venezia.

Costruita nei cantieri di Nantes in Francia è stata varata nella primavera del 1934, con il nome Commandant Louis Richard per una società privata, venendo adibita alla pesca e al trasporto del merluzzo nei banchi di Terranova. Nel 1951 viene acquistata dall'Italia per affiancarla alla nave scuola Amerigo Vespucci, in sostituzione della nave gemella Cristoforo Colombo, ceduta all'Unione Sovietica in conto riparazioni danni di guerra, e della nave scuola Ebe, in procinto d'essere posta in disarmo. La nave è entrata in servizio nella Marina Militare Italiana il 16 luglio 1955, ribattezzata Palinuro in onore del mitico nocchiere di Enea nell'Eneide di Virgilio.

Durante la sua attività, dal 1955 in poi, la Palinuro ha toccato la maggior parte dei porti del Mediterraneo, del Mar Nero e del Nord Europa per un totale di più di 160 porti differenti, molti visitati più volte e si stima che abbia percorso più di 350.000 miglia nautiche pari a circa sedici volte il giro del mondo. Ha inoltre preso parte ai più prestigiosi raduni di imbarcazioni e navi d'epoca e alle regate delle cosiddette "Tall Ships", tra le quali la "Cutty Sark", "l'Amsterdam Sail" ed il raduno delle vele d'epoca di Imperia.

Il motto latino della nave è "Faventibus ventis" tradotto "Col favore dei venti", come riportato sul crest conservato nella collezione di stemmi araldici navali del comandante Daniele Busetto.

advertising
PREVIOS POST
Dal 9 all’11 settembre 2022 torna l’International Hannibal Classic
NEXT POST
Mondiale Nacra 15 ad Univela Campione, sorpasso francese