Martin Redmayne, presidente di The Superyacht Group, apre il Global Superyacht Forum

METStrade al via e con esso il Global Superyacht Forum

Superyacht

17/11/2021 - 11:16
advertising

Pur nell’incertezza legata alle ultime comunicazioni relative al coprifuoco e alla crescita esponenziale dei contagi in Olanda, alla prima sessione plenaria del Global Superyacht Forum, apertosi ieri ad Amsterdam, un giorno prima del METStrade, si sono contate 550 presenze.

Il Global Superyacht Forum della nautica, ormai alla 29° edizione, è partito con una revisione di come i principali settori UHNWI (ultra-high-net-worth individuals), incluso il mercato dei superyacht, si stanno comportando in relazione alle attuali statistiche relative all’aumento di concentrazione della ricchezza. Questa prima sessione ha inoltre dibattuto su quanto sia sostenibile l'attuale performance del mercato.

Il primo panel sul palco è stato così costituito:

•          Martin Redmayne, Presidente di The Superyacht Group

•          Nic Arnold, Head of JTC Private Office Worldwide,

•          Olivier Blanchet, Head of the Jet & Yacht Finance Service BNP Paribas

•          Paolo Casani, CEO di Camper & Nicholsons International

•          Flora Harley Global Head of Research at Knight Frank

Dopo il benvenuto e il ringraziamento ai presenti, Martin Redmayne ha aperto la sessione portando subito l’attenzione sulle prestazioni in forte espansione del mercato dei superyacht, a cui Oliver Blanchet e Flora Harley, hanno però sollevato a titolo di confronto la superiore situazione del mercato dell'aviazione privata. Blanchet ha descritto il mercato dell'aviazione privata come "secco" in quanto c'era poco o nessuno stock disponibile per l'acquisto nell'immediato. Allo stesso modo, Harley ha esplorato il boom di attività tra i mercati immobiliari prime e superprime - Christie's International Real Estate definisce una casa “prime” come una casa che costa $ 1 milione o più, mentre molti consulenti immobiliari etichettano le case che valgono più di $ 10 milioni come “super-prime” -, evidenziando la crescita finanziaria tra gli ultra-ricchi e le mutevoli abitudini di utilizzo che si sono verificate a seguito della pandemia di COVID-19.

Blanchet, tuttavia, ha messo in guardia dall'euforia per le eccellenti prestazioni del settore dei superyacht con un paio di osservazioni, tra cui la catena di approvvigionamento delle materie prime. Da tenere sott’occhio la variazione “stratificata” di potere d’acquisto di più fasce di mercato della nautica, data dall’inflazione che inizia a manifestarsi a livello globale.

Sia Harley che Blanchet hanno indicato che secondo loro il periodo di boom delle vendite, probabilmente in futuro rallenterà.

Casani ha esortato l'industria a sviluppare nuove modalità di comunicazione con i clienti in particolare con quelli delle generazioni più giovani. Lui stesso ha sottolineato che non si tratta di adeguare i materiali di marketing, ma di cambiare il modo in cui comunichiamo a tutti i livelli con acquirenti in vari settori, località e dati demografici.

Tutti gli attori speakers sul palco, sono stati d’accordo nell’affermare che il mercato pone nuove sfide, in particolare Nic Arnold ha evidenziato la necessità per l'industria nel suo insieme di maturare e tenere in maggiore considerazione le informazioni fornite dai client, dove sono sempre più necessarie competenze. Tutti i relatori hanno sottolineato che il mercato deve unire le forze e creare una strategia unificata per aiutare a superare alcune delle tante sfide che si trovano ad affrontare oggi. Gli ospiti sul palco, hanno infine sottolineato che non è più sufficiente dire semplicemente che un superyacht è per il tempo libero, ma è necessario creare progetti che forniscano un'utilità più tangibile, sia che si riferisca al business, alla sostenibilità o a qualsiasi altra forma connessa all’uso delle navi da diporto.

Qui trovate il report della seconda giornata dei lavori del Global Superyacht Forum

Filippo Ceragioli

advertising
PREVIOS POST
Mini Transat presso il Porto di Roma: la lunga stagione dell’Altura FIV
NEXT POST
La FIV in Oman: una occasione di crescita promosso dall'Ambasciatore