Palmer Johnson di 64,5 metri

Lady M e Lena, le barche sequestrate in Liguria agli oligarchi russi

Superyacht

05/03/2022 - 11:10
mangusta
mangusta

Lady M è sicuramente il megayacht più famoso delle ultime ore, perché interessato dalle misure restrittive che il Governo italiano ha applicato ieri nei confronti del suo armatore, il russo Alexei Mordashov. Si tratta di uno degli oligarchi russi non solo più ricchi – nel suo paese è al quarto posto, mentre nella classifica mondiale di Forbes compare al 51° con un patrimonio netto stimato nel 2021 pari a 29,1 miliardi di dollari - ma pare anche essere vicinissimo a Putin. Assieme a Lady M, la Guardia di Finanza ha sequestrato ieri in Liguria anche Lena, motoryacht di 40 metri di Gennady Timchenko, 78° fra i più ricchi al mondo con un patrimonio stimato in 17,8 miliardi di dollari.

Di che superyacht si tratta?
Lady M è un Motor Yacht di 64,5 m, costruito negli Stati Uniti d'America da Palmer Johnson, varato nel 2013. Il progetto è dello studio italiano Nuvolari & Lenard, uno dei più famosi, acclamati e prolifici nello yacht design, che ne ha creato sia gli esterni sia gli interni. Ha una stazza lorda di 716,0 GT, una larghezza di 9,5 m ed è interamente realizzato in lega di alluminio per essere leggero e veloce: può raggiungere i 28 nodi di massima, mentre la sua velocità di crociera è di 24,0 nodi. Riducendo le prestazioni a 12 nodi, allunga la sua autonomia massima a dimensioni oceaniche, pari a 4.300 miglia nautiche. Alimentata da due motori diesel MTU (16V 4000 M93L) da 4.150 CV, può accogliere fino a 12 ospiti in 6 cabine: master, VIP, 2 doppie e due a letti affiancati. Ha 15 membri dell'equipaggio, batte bandiera delle Isole Cayman, ed è stata costruita secondo le regole di classificazione Lloyds Register ✠100A1 SSC Yacht Mono LDC HSC G6 ed è conforme a MCA LY2 cioè in grado di essere noleggiata anche se si tratta di una “family boat”, pare mai offerta in charter.

Anche M/Y Lena è una nave da diporto che l’armatore usa per sé. Lunga 40,8 metri, l’ha costruita e varata nel 2010 Sanlorenzo, su progetto firmato in toto da Francesco Paszkowski Design, studio fiorentino anch'esso fra i più richiesti dagli armatori di grandi yacht. Si tratta di uno dei 10 esemplari della linea Alloy 40, al tempo ammiraglia del cantiere, costruiti negli stabilimenti di Viareggio. Realizzata sempre interamente in alluminio, con una stazza lorda di 338 GT, grazie alla spinta fornita da due MTU (12V 4000 M93) 12 cilindri da 3.138 HP complessivi, raggiunge i 27,0 nodi di velocità massima mentre la sua velocità di crociera è di 24,0. A 13 nodi la sua autonomia risulta essere di 1.200 miglia nautiche. Lena è stata progettata per ospitare comodamente fino a 10 ospiti in 5 suite, composte dall’armatoriale, da una VIP, una doppia e una con letti gemelli. La sua classificazione è ABS (American Bureau of Shipping) ✠A1, Yachting Service, Ⓔ, ✠AMS VIP. Sono previsti fino a 6 membri di equipaggio e attualmente lo yacht naviga sotto la bandiera delle Isole Vergini Britanniche.

 

PREVIOS POST
Sanlorenzo rassicura sull'esposizione del gruppo verso la Russia
NEXT POST
Campionato Invernale: per Nautilus 41 42 c'è già la vittoria