Sustainability Hub al Monaco Yacht Show: il futuro dello yachting passa da qui

Sustainability Hub al Monaco Yacht Show: il futuro dello yachting passa da qui

Sustainability Hub al Monaco Yacht Show: il futuro dello yachting passa da qui

Ecologia

23/03/2023 - 14:10
advertising

Lanciata nel 2022, Sustainability Hub è la nuovissima area espositiva del Monaco Yacht Show (MYS), dedicata alla ricerca e allo sviluppo di soluzioni sostenibili nella nautica da diporto.

Per questo nuovo spazio della rassegna monegasca, grazie alla collaborazione con la Water Revolution Foundation (WRF) - associazione nata per preservare gli oceani e neutralizzare l'impronta dell'industria dei superyacht sull'ambiente –, vengono selezionati espositori con un DNA specifico, quello che coniuga sostenibilità ambientale e innovazione tecnologica. Il MYS, che per il settore dei grandi yacht è il momento focale, con il suo Sustainability Hub vuole divenire anche il principale evento per stimolare e dare evidenza alla nascita di soluzioni che guardino al futuro degli yacht e dello yachting, le migliori, sempre più compatibili con l'ambiente.

Come si accede al Sustainability Hub? Si fa domanda attraverso una pagina web dedicata del sito del MYS per entrare in contatto con la struttura che gestisce questa area del salone nautico. Una volta acquisite le caratteristiche del bene/servizio che si vuole esporre all'interno del Sustainability Hub, vengono trasmesse alla WRF che ne vaglia il valore.

La WRF - di cui fanno parte personaggi di spicco della yacht industry quali Henk de Vries, Peter Lurssen, Philippe Briand, ed esperti di sviluppo sostenibile come Vienna Eleuteri, presidente dell'associazione – il suo giudizio diviene il "lascia passare" che permette anche aziende che non hai mai esposto al Monaco Yacht Show di parteciparvi: anche le start-up dell'economia green possono richiedere l'accesso alla fiera della nautica di lusso più seguita anche mediaticamente.

Servono nuove idee, soluzioni che portino gli yacht ad aver bisogno di meno energia per navigare e per essere vissuti, che mirino a una maggiore leggerezza, alla riciclabilità dei materiali utilizzati, fino al ripensare o quantomeno al far evolvere i sistemi di generazione dell'energia. Sono chiaramente benvenuti anche progetti "visionari".

Nella zona Sustainable Hub ci possiamo quindi immaginare di vedere esposta "la nuova supply-chain" al servizio della yacht industry che fa navi da diporto, che guiderà il settore verso la "carbon neutrality" per l'anno 2050 come prevedono le strategie comunitarie dettate dalla Von Der Leyen, Primo Ministro Europeo, in occasione della presentazione dell'European Green Deal, nel 2019.

Filippo Ceragioli

PREVIOUS POST
Acqua dell’Elba e Fondazione Humanitas per sostenibilità ambientale
NEXT POST
Besenzoni consegna il premio Giovanni Besenzoni