Trofeo Bailli de Suffren XVIII

Trofeo Bailli de Suffren, la classe e il fascino della tradizione

Sport

29/06/2018 - 13:51
advertising

Il mare con onda lunga e incrociata della sera di sabato 23 giugno, ha spezzato le speranze di conquista del titolo della Coppa dei Quattro Mori di alcuni partecipanti alla tratta Saint Tropez - Porto Rotondo del Bailli de Suffren. Questi, viste le particolari condizioni atmosferiche,   hanno rinunciato all’uso delle vele per salvare le attrezzature di bordo, dovendo, di conseguenza, fare uso del motore. Solo i quattro equipaggi più determinati sono riusciti a tagliare il traguardo di Porto Rotondo con le vele a riva, passando la boa di arrivo situata di fronte  allo Yacht Club.

Durante la traversata, la situazione meteo-marina ha creato diversi problemi. Infatti, mentre la flotta fiancheggiava il  sud della Corsica, una grossa cella temporalesca ha generato venti a oltre trenta nodi, con tanta pioggia e numerosi fulmini, con molte difficoltà per gli equipaggi, ripagate, però, da immagini suggestive e di grande impatto visivo. A Figari, in Corsica, l’alba di domenica 24 giugno è stata caratterizzata da una serie di fulmini, che hanno illuminato a giorno le montagne e la costa a picco sul mare, sullo sfondo di un cielo scuro e tempestoso.  La navigazione è stata anche occasione per la cattura di alcuni pesci, che, durante i momenti di bonaccia, sono diventati per la  flottiglia motivo di convivialità. Un aperitivo, in particolare, ha destato il gradimento delle barche: quello  offerto dall’ imbarcazione congolese BEG-HIR, di Jean-Jacques Vitoux.

La  prima tappa del XVII Trofeo Bailli de Suffren è stata vinta da Olivier Pecoux, sull’imbarcazione AMAZON. Subito dietro, sempre nella categoria Classic, ha avuto la meglio STIREN, di Nataf Oren. Nel gruppo degli Spirit of Tradition ha vinto  ECBATANE, di Alain Monier, davanti a TIOGA OF HAMBURG, di Peter Tess. La cerimonia di premiazione si è svolta sulla terrazza dello Yacht Club durante la cena. Alla serata hanno preso parte gli armatori e egli equipaggi, i quali, come da tradizione,  erano rigorosamente in abito bianco. Il Presidente, Roberto Azzi, insieme al Presidente Onorario, Luigi Donà Dalle Rose e il nuovo Presidente del Mare Nostrum Racing club, Lionel Pean, hanno dato il benvenuto ai presenti e hanno assegnato i premi. In seguito, dopo la cena preparata dagli Chef dello Yacht Club, Michele e Daniele, molto apprezzata da tutti,  hanno salutato i partecipanti, dando loro appuntamento alla XVIII edizione dell’Evento.

Il giorno successivo, alle 12:00, a dare il via alla seconda tappa di 230 miglia, in direzione di Trapani, è stato il Direttore Sportivo dello Yacht Club, Nanni Ono, con il tradizionale suono di tromba. Una leggera brezza da nordest ha favorito l’inizio del viaggio delle imbarcazioni, lungo la rotta verso la Sicilia.

advertising
PREVIOS POST
Ambrogio Beccaria primo alla 33esima edizione del “Mini Fastnet”
NEXT POST
XVIII Edizione Giochi del Mediterraneo: Penultima giornata di regate