HP Watermakers rivela due novità al Cannes Yachting Festival 2022

HP Watermakers rivela due novità al Cannes Yachting Festival 2022

HP Watermakers rivela due novità al Cannes Yachting Festival 2022

Accessorio

09/09/2022 - 09:45
advertising

L’acqua è un bene fondamentale, ed ogni giorno di più se ne comprende l’importanza per la nostra vita. Non fanno certo eccezione gli yacht dove, soprattutto durante le lunghe navigazioni, la disponibilità di acqua potabile a bordo è un elemento primario per la qualità della vita dell’armatore, degli ospiti e dell’equipaggio. Lo sa bene HP Watermakers che sulla produzione di dissalatori completamente automatici per yacht ha fondato una parte importante del suo successo e sta sviluppando soluzioni sempre nuove per ampliare, e semplificare, la gestione dei dissalatori a bordo.

Due le novità presentate al Cannes Yachting Festival 2022 (6-11 settembre) che Gianni Zucco, co-fondatore e sales manager di HP Watermakers, ha illustrato durante la conferenza stampa di giovedì 8 settembre  presso lo stand dell’azienda.

Con Part - NET 2.0 dissalatori no problem

HP Watermakers è la prima azienda nel suo settore a sviluppare una propria interfaccia, denominata Part-NET, completamente compatibile con i sistemi elettronici di bordo di marchi come Raymarine, Garmin, Furuno, Simrad, B&G e Lowrance. Part-NET permette all’utente di controllare l’intero sistema di dissalazione - compresa la pressione e tutti gli altri parametri di funzionamento - dal plotter in plancia, o anche da smartphone quando è disponibile una connessione internet, senza alcun intervento manuale.

Part-NET 2.0 conserva tutte le innovazioni del modello precedente, ma aggiunge ancora più flessibilità e funzionalità grazie alle possibilità di personalizzazione e all’interfaccia grafica molto intuitiva.

In precedenza, per modificare le impostazioni dell’attrezzatura o i dettagli dell’imbarcazione in caso di rivendita, il sistema di bordo doveva essere collegato da remoto alla rete aziendale. Si trattava di un processo complesso e dispendioso in termini di tempo, che dipendeva da un accesso a Internet affidabile. Part-NET 2.0 consente agli utenti finali di personalizzare facilmente i parametri in modo rapido e indipendente, senza alcun intervento da parte di HP Watermakers.

Nella nuova grafica, lo sfondo grigio chiaro della precedente interfaccia è stato sostituito con uno blu scuro per un migliore contrasto e una chiara visibilità. Inoltre, mentre in precedenza i dati dell’apparecchio cambiavano automaticamente ogni 5 secondi per fornire una panoramica, con Part-NET 2.0 sia i parametri sinottici che quelli specifici sono sempre visualizzati sullo schermo per aumentare la frequenza sguardo-consapevolezza.

Infine, in caso di malfunzionamento, Part-NET ha sempre consentito agli utenti di fare riferimento a manuali convenzionali in cinque lingue integrati nel sistema. In Part-NET 2.0 questa funzione è stata ampliata a tutti gli scenari, con spiegazioni video complete di possibili cause e rimedi, una funzione particolarmente utile per gli operatori proprietari che potrebbero non avere una conoscenza pratica delle apparecchiature di bordo. I manuali includono anche codici QR per ordinare facilmente i pezzi di ricambio.

Con MWT acqua dolce dalla banchina

L’acqua dolce non basta mai e, anche in banchina, può essere opportuno avere la possibilità di trattare quella fornita dai marina, per essere sicuri di quello che viene consumato a bordo.

HP Watermakers ha presentato durante il  Cannes Yachting Festival, l’unità MWT Basic che è stata specificamente progettata per il trattamento dell’acqua nei marina (MWT è l’acronimo di Marina Water Treatment). Le unità sono dotate di una speciale membrana e di un sistema di filtraggio senza l’utilizzo di sale (come negli addolcitori) per garantire una pronta fornitura a bordo di acqua ‘addolcita’ ed evitare il problema del calcare che può lasciare aloni sulle superfici lavate e intasare gli impianti di bordo.

Nello specifico, HP MWT Basic è il sistema di trattamento dell’acqua di banchina attraverso membrane, che portano il TDS (il grado di mineralizzazione dell’acqua) e la durezza totale a livelli bassissimi, per proteggere dal calcare e dalle incrostazioni tutti gli impianti, che utilizzano acqua dolce e per pulire gli scafi senza aloni di calcare. MWT BASIC è studiato per fornire acqua senza l’utilizzo di pompe e quindi di corrente elettrica, è portatile ma può anche essere installato a bordo. Nella “Versione Auto”, ideale per le barche di medie dimensioni, dopo averlo collegato ai galleggianti del serbatoio, MWT Auto riempie automaticamente il serbatoio senza la necessità di manovrare alcuna valvola.

advertising
PREVIOS POST
Ecoracer nominato per l'European Yacht of the Year
NEXT POST
Università di Bari e Lega Navale Italiana: presentata l’AppNauticAttiva