Dall’E26 al Settantotto: i luxury day tender debuttano al Cannes Yachting Festival

Dall’E26 al Settantotto: i luxury day tender debuttano al Cannes Yachting Festival

Dall’E26 al Settantotto: per Cranchi il futuro è al Cannes Yachting Festival

Yacht Design

Da Cranchi
28/06/2018 - 21:26
advertising

Tra l’edizione del Cannes Yachting Festival del 2018 e quella del 2019, proprio nei dodici mesi che avvicinano il Cantiere al suo 150° anniversario, Cranchi sceglie di rinnovare sia la sua offerta entry level sia il segmento top di gamma, puntando in entrambi a casi su prodotti di eccellenza assoluta.

Il primo appuntamento è tra poche settimane a Cannes 2018, con la première delle due versioni dell’E26, il progetto con cui Cranchi rinnova la sua offerta di barche al di sotto dei 30 piedi. E un anno dopo, a Cannes 2019, Cranchi presenterà il Settantotto, la sua nuova ammiraglia.

E26 Classic e Rider

Nella fascia sotto i 30 piedi, la novità è doppia. Debuttano insieme l’E26 Classic e l’E26 Rider. Insieme, le due imbarcazioni, costituiscono una collezione di luxury day tender: prodotti esclusivi, polivalenti e dallo stile distintivo.

Il design, firmato da Christian Grande, è caratterizzato da linee pulite, morbide, fluide ed essenziali, come si conviene a un vero classico. Gli E26 Classic e Rider sono barche nobili, come ci si deve attendere da un Cantiere con una storia importante come quella di Cranchi. E allo stesso tempo, sono barche performanti, costruite con metodi di produzione innovativi, combinando in modo sapiente materiali naturali e tecnologici. Imbarcazioni adatte alla navigazione sotto costa e in mare aperto e che richiedono una manutenzione minima, anche dopo un’intera stagione in acqua. Con l’E26 Cranchi risponde a molteplici esigenze: day cruiser, tender per un mega yacht, per la villa al mare o al lago, barca per un picnic elegante o per una piccola crociera, da soli, in coppia o con gli amici. Una versatilità che il Cantiere ha voluto enfatizzare al massimo declinando il concept in due prodotti distinti: l’E26 Classic, proposto con motorizzazione entrobordo, e l’E26 Rider con motore fuoribordo.

E26 Classic

Il dritto di prua spiccatamente verticale che caratterizza il profilo dell’E26 Classic trasmette fin dal primo sguardo il carattere classico e sportivo dell’imbarcazione.

Il profilo della barca e la postazione di pilotaggio promettono sportività, mentre la sensazione di benessere a bordo è esaltata dallo stile distintivo e unico di questo modello.

Sono forti i richiami alla tradizione, come ad esempio il ponte di prua in teak, che rievoca il retaggio classico delle barche in legno e fa da contrappunto visivo alla plancetta di poppa anch’essa ricoperta in teak. E non mancano certo le soluzioni innovative e funzionali. Il comfort è assicurato a partire dal grande prendisole a poppa che copre il vano motore in cui trova alloggiamento anche un tendalino a scomparsa che all’occorrenza può garantire ombra al pozzetto. La dinette a centro barca è servita da una seduta a L che dà continuità al prendisole di poppa e da due sedili pivotanti (per pilota a destra e co-pilota a sinistra) che si possono rivolgere verso prua durante la navigazione e verso poppa nei momenti di convivialità. Ad accentuare il carattere sportivo dell’E26 Classic contribuisce il parabrezza avvolgente e a tutto baglio che offre protezione al pilota e a chi lo affianca. Al centro del parabrezza si apre un varco che dà pratico accesso al il ponte di prua. Sotto lo stesso ponte trovano spazio una piccola cabina e un vano toilette, per assicurare una comoda permanenza a bordo durante l’intera giornata e, volendo, anche di notte.

E26 Rider

L’E26 Rider è un innovativo bowrider dotato di motore fuoribordo. Il dritto di prua e le linee fluide dello scafo trasmettono sensazioni identiche a quelle dell’E26 Classic: anche in questo caso ci troviamo al cospetto di un classico contemporaneo. La visione in pianta svela un secondo aspetto della natura del Rider: l’intera coperta, da prua a poppa, è concepita come spazio da vivere tanto in navigazione quanto all’ormeggio. Grandi spazi emozionali e pratici, estremamente versatili e configurabili in modi differenti per soddisfare diverse esigenze durante l’arco della giornata.

Il ponte di prua ospita un’area lounge con piano allo stesso livello del pozzetto. Il ponte è comodamente raggiungibile attraverso un’apertura a centro barca e può accogliere gli ospiti in tutta sicurezza anche con la barca in movimento. Due divanetti contrapposti, uno verso la murata di destra e l’altro verso sinistra, si prestano ad essere sfruttati sia come sedute sia come chaise longue.

A centro barca, il pozzetto si rivela come vero cuore dell’imbarcazione. Un’area elegante e sorprendente per dimensioni, con soluzioni funzionali che lasciano massima libertà a chi vive la barca. I sedili di pilota e co-pilota sono pivotanti e si possono orientare verso la zona dinette, dominata da un comodo divano a L che si estende sulla murata destra della barca e sul lato di poppa, quasi a tutta larghezza: qui lo schienale si può abbattere per creare un’ulteriore area prendisole. A completare l’allestimento della dinette ci sono un tavolo estensibile e un frigo. A fianco della consolle di pilotaggio, sulla sinistra, trova spazio un comodo vano toilette.

A poppa, il motore fuoribordo è affiancato sui due lati da due plancette: due eleganti appendici che fungono da spiaggetta, facilitando sia l’accesso a bordo, che diventa più pratico e sicuro, sia l’ingresso in acqua e la risalita agevolata da una comoda scaletta ritraibile. Nessun limite al movimento, nessun limite alla libertà.

Libertà che può esprimersi anche concependo il pozzetto secondo allestimenti del tutto originali: più gavoni, sedute organizzate in modo alternativo, più spazio per le attrezzature sportive....

Gli appuntamenti da non perdere con le novità Cranchi

La Grand Premiere dell’E26 Classic e dell’E26 Rider sarà in occasione del Cannes Yachting Festival, dall’11 al 16 settembre 2018.

Bisognerà invece attendere settembre 2019 per scoprire il Cranchi Settantotto. La capacità produttiva e tecnologica del Cantiere, la rigorosa ricerca stilistica che Cranchi sta conducendo con Christian Grande, l’attenzione meticolosa ai dettagli e alle scelte di decor si esprimeranno al loro massimo nella nuova ammiraglia: uno yacht dall’allure navale, con linee eleganti tracciate per trasmettere un naturale senso di equilibrio, caratterizzato anche nell’interior design da scelte originali e raffinate.

Guardando insieme il Settantotto, in molti aspetti assimilabile a un super yacht, e l’E26 Classic, che nei suoi otto metri sa concentrare stile ed eleganza, sarà evidente a tutti quale strada verso l’eccellenza assoluta ha saputo intraprendere Cranchi.

Un percorso che passa anche attraverso i facelift dei best seller del Cantiere. Il T53, ad esempio, sarà presto oggetto di un restyle che saprà meravigliare per l’ottimizzazione degli spazi, la qualità dei decor e la vivibilità dei suoi tre ponti.


 

advertising
PREVIOS POST
Barca a vela affonda: salvati i tre naufraghi
NEXT POST
Tutto pronto per l’edizione 2018 della Coppa Europa Smeralda 888