Al timone del Mylius 76 E.. vai Pertot!  ph.G.Miletti

Sailing Studio Race Team al timone del Mylius 76 E...vai Pertot

Sport

09/10/2021 - 13:35
slam
slam

"E vai!"non è solo l'incitamento prima, durante e, si spera, l'esultanza dopo una regata ma, in questo caso, anche il nome di una barca, oltre all’esclamazione che meglio esprime lo spirito e l'entusiasmo con cui nasce una nuova squadra velica, la Sailing Studio Race, sostenuta da alcuni imprenditori di Trieste.

Il team sarà al timone proprio della "E_vai Pertot!”,il Mylius 76 lungo 23,40 metri che parteciperà il 10 ottobre alla Barcolana.

Prima di gareggiare per la regata più numerosa del mondo, che quest'anno compie 53 anni, la crew si cimenterà, dopo la Portopiccolo Maxi Race e la Coppa Bernetti, anche nella Venice Hospitality Challenge il 16 ottobre e nella Veleziana il 17 ottobre.

Nato dall’idea di Michele Valentinuzzi e Marco Furlan, Sailing Studio Race è un team di realtà imprenditoriali triestine che hanno creato una sinergia lavorativa e che riportano lo stesso spirito anche per questo progetto velico. Conta sul main sponsor Pertot Ecologia Servizi e il sostegno delle aziende Studio Gasperini, Schiavone Costruzioni, System Mind, Agenzia Generali Sant’Antonio e con Paul Picot, At House, Sikkens, MG Colors, Ottica Inn, Bellini, Aiino, Laurenti Stigliani orologeria tra i partner.

L’equipaggio di non professionisti, gestito dal general manager Michele Valentinuzzi, sarà composto da una decina di velisti triestini che da sempre partecipano agli storici eventi velici di Trieste.

In particolare, saranno presenti a bordo, oltre a Marco Furlan, skipper e direttore sportivo, uno dei maggiori protagonisti delle passate edizioni di Barcolana anche Sandro Chersi, tattico e tailer, figlio del compianto Alessandro Chersi figura storica della Barcolana tra i padri della regata più grande del mondo. Poter avere a bordo la memoria storica della vela triestina è un vero onore e grande orgoglio per l’equipaggio, formato da Massimiliano Pontani comandante della barca, Daniele Augusti, Alberto Augusti, Andrea Troiano tailer, Mauro Marchesan alla randa, Lorenzo Gallana drizze e a prua Samuele Pontani e Paolo Persini.

Solo per la Barcolana arriverà anche Andrea Casale, velista esperto, con il ruolo di tattico.
Dopo aver partecipato alla prima regata insieme ed essere arrivati quarti alla prima prova della Portopiccolo Maxi Race, Marco Furlan ha commentato «Considerando che abbiamo fatto due uscite di allenamento posso dire che ci stiamo affinando e che siamo in rodaggio. Questa è una barca da crociera, quindi "pesano" anche forno e lavastoviglie (ride)». Sulla sfida emozionante con Anemos ha aggiunto «ce la porteremo avanti fino a Venezia, quindi c'è tempo per giocare».

PREVIOS POST
Il saluto della Classe J24 a Roberto Biagini, amico e costruttore di tanti J24 di successo
NEXT POST
Il ruolo strategico dei porti per la sostenibilità dei paesi InCE