Marco Donà, CEO SAIM Marine

Saim, le eliche di manovra QS Seamaster, il METS: ne parliamo con Marco Donà

Accessorio

24/11/2021 - 20:16
saim
saim

QS Seamaster è la gamma di eliche di manovra “Made in Italy”, creata da Saim in partnership tecnica con Quick. Un marchio nuovo che sfrutta la grande esperienza di due realtà impegnate “sul campo” da oltre 25 anni.

Saim siamo abituati a vederla nella sua veste commerciale, come azienda distributrice di prodotti ad alto contenuto tecnologico a cui è in grado di dare un importante valore aggiunto attraverso i suoi servizi di pre vendita, collaudo e post vendita con cui affianca il cliente. Con QS Seamaster introduce, invece, sul mercato un marchio proprio. Ne parliamo con Marco Donà, CEO e vicepresidente di Saim, reduce dall’infilata di saloni autunnali - Cannes, Genova e Monaco, che quest’anno hanno stupito quanto a vitalità grazie a un mercato “superpositivo” - e pronto per affrontare a gennaio il salone di Düsseldorf.

Marco Donà - L’anno scorso abbiamo lanciato un progetto di cui siamo molto orgogliosi: una linea di eliche di manovra, la QS Seamaster (www.qs-seamaster.com). Una gamma davvero completa di eliche elettriche DC e AC e idrauliche, a tunnel o retraibili. Quelle elettriche DC vanno dai 40 ai 300 kg di spinta; c’è poi la tipologia brushless, ossia con motore elettrico senza spazzole, che sta avendo molto successo grazie al suo runtime esteso fino a mezzora al 100% di potenza che la equipara a un’elica AC o idraulica, e va dai 100 a 300 kg di spinta; le nostre eliche trifase vanno dai 240 a 1.000 chili spinta; mentre quelle idrauliche dai 100 ai 1.000 chili spinta. E stiamo crescendo, presto arriveranno eliche più grandi progettate per mega yacht.

È una gamma completa, tutta disegnata da noi. È stato un lavoro molto impegnativo, ma devo dire che abbiamo avuto tempo per pensare durante il lockdown.

PressMare - QS Seamaster è il risultato dalla partnership tecnica con Quick, com’è nato questo progetto Made in Italy?

MD - La spinta iniziale è arrivata quando la Sleipner Motor, di cui siamo stati distributori esclusivi delle sue eliche di manovra per oltre 15 anni, visti gli ottimi risultati sul mercato nazionale ha deciso di aprire una filiale, escludendo quindi il distributore. Non potevamo permetterci di perdere i nostri clienti e tutta l’esperienza accumulata su questi prodotti e, complice una grande intesa con la famiglia Marzucco di Quick, abbiamo deciso di diventare noi stessi produttori. Saim ha messo a punto le specifiche di prodotto e Quick si è occupato della realizzazione. In pratica, siamo partiti dal piede motore collaudato della Quick per creare questa nuova gamma, dove abbiamo proposto tutte quelle caratteristiche che la nostra esperienza ventennale ci diceva fondamentali. Siamo molto soddisfatti del successo che stiamo avendo: in meno di un anno abbiamo già “conquistato” diversi cantieri italiani e alcune nuove imbarcazioni di grossi player di mercato, ci siamo anche già affacciati all’estero dove abbiamo 3-4 distributori contrattualizzati e altri senza contratto: stiamo espandendoci perché il mercato risponde molto bene.

PM - Quali sono le caratteristiche principali delle eliche QS Seamaster?

MD - Nelle eliche QS Seamaster abbiamo voluto inserire tutte quelle caratteristiche vincenti delle eliche di manovra presenti sul mercato, inoltre abbiamo lavorato molto su quelli che sono i “punti critici” di questi articoli, primo fra tutti il giunto di cui ne abbiamo disegnato uno che secondo noi è ideale, l’elica della Quick è stata poi implementata lavorando molto sull’idrodinamica e sulle performance, inoltre abbiamo voluto il controllo elettronico non nel joystick ma sul corpo elica. Il solenoide, altro punto critico, è di alta qualità, così come i collegamenti elettrici. Insomma tanti piccoli dettagli che hanno dato vita a una gamma di ottimo livello a un prezzo competitivo.

Inoltre, Saim Group ha un notevole know how sull’oleodinamica: nella filiale di Bologna un team tecnico da oltre 20 anni progetta e sviluppa impianti oleodinamici su misura anche per stabilizzatori e thruster. Forte di questa esperienza, sulla gamma di eliche idrauliche siamo davvero competitivi perché facciamo prodotti custom a un prezzo ragionevole.

PM - Al Mets avremmo dovuto assistere al vero e proprio lancio del QS Seamaster, invece…

MD - Con la risalita della curva dei contagi in Olanda, ancora prima dell’annuncio del Primo Ministro Mark Rutte che confermava il lockdown, a livello di Consiglio Accessori di Confindustria Nautica ci siamo resi conto che avrebbe avuto poco senso partecipare al Mets. A maggior ragione dopo l’annuncio, per quanto fosse una decisione difficile da prendere, abbiamo deciso di non partecipare. Sarebbe stata una bella opportunità per QS Seamaster, presente per la prima volta al salone, ma abbiamo deciso di anteporre la salute e la sicurezza dei nostri collaboratori a qualsiasi considerazione di tipo commerciale. Il rischio di partecipare in questo momento sarebbe stato troppo alto. Considerato il mini lockdown deciso dal governo olandese, lo spostamento del salone ad un’altra data più “sicura", come è del resto già avvenuto per altre manifestazioni, sarebbe stata accolta con favore”.

PM - Alla luce di ciò, cosa cambia per voi?

MD - Andiamo avanti concentrati sul lavoro, il momento merita massima attenzione, sarà interessante capire cosa sta succedendo almeno in Europa: questo è periodo paradossale per la nautica, c’è una enorme richiesta di imbarcazioni e componenti, e una scarsissima capacità produttiva legata, in particolare, alla difficoltà di reperimento delle materie prime.

PM - Parlando di Saim Marine, quali sono i vostri best seller?

MD - I gruppi elettrogeni americani Kohler, che distribuiamo in Italia dal ’93, sono sempre i nostri prodotti di punta oltre che leader di mercato. Quest’anno come Saim abbiamo messo a punto un pannello di collegamento corrente di banchina-corrente di bordo senza interruzione, si chiama “Seamless Transfer”, un dispositivo elettronico prodotto da ComAp che permette di trasferire la corrente senza black out.

Per i cantieri che si stanno affacciano a propulsioni alternative, sono di grande interesse i pod elettrici integrati azimutali Seadrive. Inoltre, quest’anno abbiamo presentato in anteprima Total Command, il controllo elettronico ZF con il nuovo joystick. E a Genova abbiamo ufficializzato la partnership con CMC di cui siamo i distributori in Italia (oltre a San Marino e nei sei Paesi membri del Gulf Cooperation Council) delle loro pinne stabilizzatrici elettriche Waveless. Pinne molto leggere, compatte, semplici da installare. Sono adatte a barche fino ai 30 metri, non vanno quindi a sovrapporsi ai nostri ABT-Trac destinati alle grandi navi, ma completano l’offerta. Continua poi il successo degli interceptor della Zipwake.

PM - In pratica coprite tutto il “pianeta” stabilizzazione e controllo…

MD - Se andiamo a unire i puntini: eliche di manovra QS Seamaster, interceptor Zipwake, pinne Waveless, comandi di manovra con joystick con ZF: quello che ne esce è esce un sistema integrato. E stiamo lavorando con i nostri partner sull’integrazione di questo sistema.

Il nostro obiettivo è diventare veri e propri integratori di sistema per i cantieri, non solo per il controllo e la stabilizzazione dell’imbarcazione ma anche per la generazione e la propulsione. Il mondo, e il nostro settore, si sta spostando verso sistemi ibridi, elettrici o addirittura alternativi. In questo periodo stiamo parlando con i dipartimenti R&S di vari cantieri e siamo concordi nel sostenere che soluzioni ottimali per la nautica ancora non ci sono. Siamo in un periodo di mezzo, esplorativo. Quello che è evidente a tutti è che da qui a 12-15 anni i motori termici saranno sorpassati. Noi stiamo lavorando su più versanti e quando troveremo quello che veramente ci convince lo proporremo sul mercato.

LA LINEA DI ELICHE DI MANOVRA QS SEAMASTER NEL DETTAGLIO

MD - Cinque le tipologie di eliche di manovra della gamma QS Seamaster: elettriche DC, AC trifase, brushless DC-AC, idrauliche, con installazione a tunnel o retraibili, ON/OFF e proporzionali (solo proporzionali per le brushless DC-AC).

La linea QS con modelli elettrici DC include thruster con spinta da 40 a 300 kgf, con potenze da 2,2 a 15 kW, tensione da 12 a 48 V, con elica singola oppur doppia controrotante per i modelli con potenza superiore a 4 kW, adatti ad imbarcazioni da 8 a 30 metri.  Tutti i modelli sono a comando ON/OFF o proporzionale. I modelli ON/OFF possono essere trasformati successivamente in proporzionali sia in versione analogica, sia in versione digitale con protocollo CAN-BUS.

- La linea di thruster QSA con motore elettrico AC trifase comprende modelli con spinta da 240 a 1100 kgf, con potenze da 15 a 75 kW, con elica doppia controrotante, in composito o in lega NiBrAl, a partire dalla taglia con spinta da 300 kg. Adatti a imbarcazioni da 18 a 50 metri, dispongono di controlli proporzionali di serie.

- QSB è il nome dei thruster DC-AC brushless, la tecnologia più avanzata in tema di thruster 12/24/48V. Estremamente efficienti, con basso consumo di esercizio, silenziosità superiore e manutenzione ridotta al minimo, i 3 modelli con spinta da 105 a 300 kg, con elica doppia controrotante, sono adatti a barche da 12 a 30 metri. Sono proporzionali di serie, con controlli digitali.

- I modelli QSH idraulici, con spinta da 105 a 1100 kgf, potenza da 8 a 60 kW, elica doppia controrotante in composito o in lega NiBrAl a partire dai modelli con 400 kg spinta, pensati per imbarcazioni di medie e grandi dimensioni, da 10 a 45 metri, sono proporzionali di serie, con controllo digitale integrabile con altri sistemi. La completezza della gamma, i componenti di alta qualità e i serbatoi particolarmente compatti e capienti pongono linea QSH al top tra i propulsori di manovra idraulici del mercato.

- I thruster retraibili QSR possono essere sia elettrici DC in configurazione ON/OFF che idraulici. Includono quattro modelli con spinta da 80 a 240 kgf, potenze da 4,5 a 10 kW, tensione a 12 o a 24V. Presentano doppia elica controrotante e sono adatti a barche da 10 a 25 metri, soprattutto a vela.

Tutti i modelli sono costruiti con componenti ad alta resistenza che garantiscono la perfetta tenuta dell’olio del piede in bronzo, progettato con un profilo idrodinamico capace di ridurre al minimo le turbolenze, massimizzare l’efficienza e ridurre i rumori. Le eliche, realizzate in materiale composito oppure in lega NiBrAl, a 4 ed a 5 pale, sono progettate per garantire prestazioni ed efficienza superiori da parte di ciascun motore.

Un sistema di controllo dotato di un microprocessore interviene preventivamente in caso di surriscaldamento del motore, senza interrompere improvvisamente l’uso del thruster, per garantire comunque il suo utilizzo. La protezione anodica in alluminio del gruppo è facilmente sostituibile, mentre il giunto elastico parastrappi dal design esclusivo lo preserva da shock meccanici.

I thruster QS Seamaster sono nati su specifiche di SAIM Marine e sono prodotti in esclusiva da Quick e sarà commercializzata a livello globale da SAIM Marine, che garantisce una copertura post-vendita capillare grazie alla propria rete di oltre 90 Service Dealer distribuiti sulle coste italiane e dalla rete Quick Spa a livello mondiale.

Paola Bertelli

PREVIOS POST
Nasce la nuova Centomiglia del Garda, si sdoppia in due regate
NEXT POST
Sailing Arabia The Tour 2021, una flotta internazionale e un team italiano