Fulmine e yacht copyright PressMare

Fulmine e yacht copyright PressMare

In barca d’autunno: rischi e opportunità dal clima che cambia

Editoriale

31/10/2022 - 09:26
advertising

Quando i pirati barbareschi scorrazzavano a destra e a manca, di solito su barche aperte, dormendo alla meglio sul ponte, si poteva dire che il Mediterraneo intero era d’estate sicuro come un porto, tanto che Nelson Horatio non esitò a restare, dall’ottobre 1803 al gennaio 1805, alla fonda nella rada di Mezzo Schifo (la Maddalena).

Rada di Mezzo Schifo, Palau - fonte Sardegna Turismo

Oggi non si può più dire lo stesso perché fenomeni meteo violenti si verificano non solo nei paesi tropicali ma anche qui da noi di solito in scala ridotta, non sempre. Dal 20 agosto al 20 ottobre si sono verificati quattro fenomeni molto intensi su diverse aree dei mari italiani. Un Medicane cioè un MEDIterranean hurriCANE è una cella ad alto potenziale che sviluppa, su un’area ridotta, una potenza notevole. L’area ridotta può avere un diametro di 300 km e i venti in prossimità dell’occhio possono raggiungere i 120 km/h, proprio come in un uragano di categoria uno – è il più debole mentre più forte è il cinque). Bisogna quindi stare attenti perché c’è abbastanza maltempo da spaventare marinai consumati.

Corsica 18 agosto 2022 carta Meteosat

Non ho esperienza di questi Medicane, anche perché una volta si chiamavano diversamente, comunque ho preso i miei quaranta e cinquanta nodi di vento all’ancora, che non sono niente rispetto ai cento nodi del fortunale di agosto in Corsica. Comunque, voglio ricordare a tutti gli skipper come con il vento forte e l’onda che questo sviluppa, anche in una baia relativamente riparata, diventa molto difficile abbordare una barca all’ancora. Salire dal canotto (tender si dice adesso) non è facile perché la barca sembra un cavallo al rodeo, quindi meglio non scendere o, se si scende, non aver bisogno di risalire quando le condizioni saranno presumibilmente peggiorate.

Se ci sono persone impressionabili e non avvezze agli urli e alle prepotenze del maltempo, è meglio farle scendere in anticipo, vadano a trovarsi un albergo o almeno un bungalow, mentre a bordo rimangano i classici pochi ma buoni. Attenzione particolare agli equipaggi marito e moglie perché in certe situazioni il matrimonio è in forse. Nel momento del pericolo, infatti, è facile si sviluppino battibecchi accesi che, se tutto andrà per il meglio saranno rapidamente dimenticati, mentre in caso contrario...

 

In compenso il clima caldo ha reso l’autunno un ottimo periodo per la barca: poca gente in giro, bonaccia notturna e abbondanza di pesce per chi ama la pesca.

Le burrasche in Nord Atlantico incominciano a farsi sentire aspirando venti meridionali nel Mediterraneo con i quali è una delizia farsi portare al traverso verso le colonne d’Ercole e oltre per un Natale in Martinica o per rientrare dalle Canarie in tempo per l’apertura della stagione sciistica.

advertising
PREVIOS POST
Iniziata al Circolo Vela Torbole l'edizione record dell'Halloween Cup Optimist
NEXT POST
MSC World Europa, salpa verso la cerimonia di battesimo a Doha