Il primo RSY 38m EXP

Il primo RSY 38m EXP

Procedono a pieno regime i lavori del primo RSY 38m EXP

Yacht Design

16/07/2020 - 20:05

“È vero che dal punto di vista estetico non ricorda un tipico explorer”, spiega Andrea Giora, Sales Director e Board Member di RSY. “Con un’autonomia di 5.000 miglia nautiche a 10 nodi, grandi spazi di stivaggio che garantiscono ampia indipendenza da porti e marine e notevoli volumi interni ed esterni, possiamo però dire che soddisfa le principali caratteristiche che associamo a un explorer”.

Attualmente in costruzione presso il cantiere di San Vitale a Ravenna, lo yacht procede nel suo processo costruttivo con i lavori di carpenteria terminati, la saldatura al 95%, l’installazione dei tubi al 70% e quella degli impianti elettrici al 30%, la parte arredo al 15%, mentre le attività di stuccatura e verniciatura sono appena iniziate; tutto secondo i tempi previsti per la consegna al suo armatore europeo il prossimo anno.

Gli armatori, esperti di mare, desiderano navigare in tutto il mondo e in cima alla lista dei desideri, durante il brief con Hydro Tec, hanno indicato solidità dello scafo, grande autonomia di navigazione e ampi spazi.

Al momento di scegliere il cantiere, gli armatori hanno optato per Rosetti Superyachts perché in grado di attingere agli asset produttivi e al know-how di Rosetti Marino, capogruppo e key player nel mondo della costruzione di piattaforme e imbarcazioni “da lavoro” per l’industria offshore di gas e petrolio.

“L’esperienza di Rosetti Marino traspare in ogni dettaglio dell’RSY 38m EXP, dall’attenta selezione dell’equipaggiamento alla qualità complessiva della costruzione”, spiega Fulvio Dodich, Chairman di RSY.

“Siamo abituati a costruire navi commerciali in grado di operare tutto l’anno in condizioni di mare estreme, quindi affidabilità e tenuta del mare sono garantiti,” aggiunge Ermanno Bellettini, CEO di RSY. “Gli armatori desideravano poter interagire col cantiere nella scelta dei migliori fornitori e subappaltatori, e noi siamo stati assolutamente disponibili nei confronti della loro richiesta”.

Con una stazza di 410GT, l’RSY 38m EXP ha volumi simili a quelli di yacht di più grandi dimensioni e i suoi 700 metri quadri di superficie complessiva sono divisi quasi equamente tra interni ed esterni.

Sul ponte inferiore troviamo un beach club a poppa e quattro confortevoli cabine ospiti (due matrimoniali e due con letti gemelli), oltre alla zona equipaggio con tre cabine, tavolo pranzo

e cucina. Tra l’upper e il main deck è situata invece la lavanderia e una grande zona armadi. Per garantire la totale indipendenza in mare, questo yacht conta quasi 3.000 litri di capacità di frigoriferi e freezer collocati nella cucina sul ponte principale, nella cucina equipaggio e nel locale tecnico del ponte inferiore.

Sul ponte principale, entrando da poppa ci accoglie una lounge con doppi divani e l’area pranzo, oltre alla suite armatoriale prodiera dotata di ufficio, spazioso bagno “lui e lei” con doccia centrale, capiente cabina armadio e un balcone fisso a dritta.

A differenza delle configurazioni più tradizionali, il salone principale è sul ponte superiore e, sempre nella parte interna, troviamo la cabina del comandante e la timoneria dotata di plancia integrata. All’esterno di questo ponte trovano spazio un’ampia zona lounge parzialmente coperta a poppa, accoglienti doppi divani strutturali e un enorme prendisole a prua.

Un comodo food lift serve ponte principale, ponte superiore e sundeck.

I 150 metri quadrati del sundeck accolgono la piscina con cascata, un grande divano, il bar, la zona pranzo e un prendisole studiato per accogliere fino a 6 persone.

Il moderno e contemporaneo stile degli interni è firmato BurdissoCapponi Yachts&Design, uno studio con sede a Ravenna, e si basa su essenze di rovere chiare e scure. L’elemento dominante di tutto il design interno della barca è la lobby del ponte principale, dove una scultura appositamente realizzata occuperà il centro del vano scale. La lounge del ponte principale accoglierà anche una cantina vini a temperatura controllata in grado di contenere fino a 150 bottiglie.

L'RSY 38m EXP sarà motorizzato con due MAN D2868 LE 425 (588kW), che spingeranno una carena dislocante con bulbo e dotata di pinne stabilizzatrici elettriche a raggiungere una velocità massima di 13 nodi; quella di crociera sarà tra i 10 e gli 11 nodi.

advertising
PREVIOS POST
Marina Militare: avvicendamento all'Istituto idrografico
NEXT POST
Tiliaventum presenta le attività inclusive del progetto Sea4All 2020