Ranieri International al Salon Nautic di Parigi

Ranieri International al Salon Nautic di Parigi

Ranieri International al Salon Nautic di Parigi dal 7 al 15 dicembre

Servizio

06/12/2019 - 09:46
advertising

Il cantiere di Soverato esporrà a Parigi modelli della gamma NEXT, barche in vetroresina, e Cayman, battelli pneumatici con chiglia rigida

Ranieri International sarà presente al prossimo Salon Nautic di Parigi, l’importante esposizione che si terrà nella capitale francese dal 7 al 15 dicembre e che rappresenta l’appuntamento fieristico di fine anno per tutti gli appassionati d’oltralpe riferiti al mondo nautico.

Il cantiere di Soverato, sempre più lanciato alla conquista del mercato internazionale – ricordiamo che a inizio novembre il brand guidato da Salvatore Ranieri era stato già protagonista del Ft Lauderdale Boat Show, in Florida - sarà presente all’evento con uno stand di maggiore evidenza e prestigio, ancora più ampio rispetto alle precedenti edizioni della rassegna, a testimonianza del costante sforzo profuso nella strategia di essere sempre più vicino al cliente finale, ovunque nel mondo. Nello spazio espositivo di Ranieri International, verrà presentata la gamma di barche in vetroresina della serie NEXT e, per ciò che concerne la linea dei RIB, i gommoni con carena rigida, ci sarà un’importante rappresentanza della gamma Cayman: puro Made in Italy realizzato all’insegna del bello e ben fatto.

È proprio con le novità della gamma dei gommoni, cioè il Cayman 35.0 Executive nella versione Super Sport, il Cayman 27.0 Sport Touring nella versione Trofeo, e il Cayman One Luxury Tender, tutti già presentati in anteprima mondiale ai saloni di Cannes e Genova, lo scorso settembre, che il cantiere conta di catturare l’attenzione degli appassionati diportisti e della stampa specializzata francese, e di consolidare in tal modo il successo di pubblico e di ordini sin qui ottenuto nell’anno nautico 2020.

 

advertising
PREVIOS POST
Natale solidale, l'emozione di navigare con il gioco di Nave Italia
NEXT POST
Una nuova “svista” deleteria per la logistica e l’economia italiana