Nord, il Lurssen di 145 metri dell’oligarca Alexei Mordashov, a Hong Kong

Superyacht

09/10/2022 - 15:15
advertising

Nord è approdato a Hong Kong. Nord è il giga yacht di 141,63 m di lunghezza, 22,49 m di larghezza, 5,03 m di pescaggio e una stazza 10.154 GT, varato da Lürssen nel 2021 come Opus. Nord è la barca attribuita ad Alexei Mordashov, uno dei miliardari più ricchi della Russia ma anche uno dei nomi che compaiono nella black list degli oligarchi sanzionati dall’Europa a causa della guerra in Ucraina. Secondo il Bloomberg Billionaires Index, Mordashov - presidente e azionista di riferimento di Severstal, holding colosso dell'acciaio e dell'industria mineraria che conta 54.000 dipendenti in 69 paesi - ha un patrimonio netto attualmente stimato in 18,7 miliardi di dollari.

Il gigayacht Nord - firmato in toto, esterni e interni, dallo studio veneziano di Nuvolari Lenard su progetto navale di Lürssen Yachts - secondo il Dipartimento della Marina della città cinese è arrivato mercoledì scorso a Hong Kong proveniente dal porto russo di Vladivostok. Il  russo si era premurato di portare Nord, il suo gigayacht del valore stimato di circa 500 milioni di euro, nell’approdo amico di Vladivostok, città portuale russa situata sul Pacifico, nella baia di Zolotoj Rog vicino al confine con la Cina e la Corea del Nord, dopo essere stato segnalato dal trasponder di bordo nei mesi precedenti fra le Maldive e le Seychelles. Un “parcheggio” in casa, quello russo, ma in verità poco attrezzato per accogliere navi da diporto extralusso, soprattutto quando cala l’inverno, da quelle parti è molto freddo. Sembrerebbe venga da ciò, dunque, la sopraggiunta necessità di spostare Nord, che nella classifica degli yacht più grandi del mondo è al 15° posto, in un porto più adatto e, soprattutto, dove non ci sono sanzioni in essere. Ricordiamo infatti che la Cina e quindi Hong Kong che dal 1997 ne fa parte, non le ha applicate ed è stata nettamente contraria.

Qualche mese fa i riflettori si erano già accesi su Alexei Mordashov, soprattutto in Italia, perché armatore anche di Lady M, motoryacht di 64,5 m, un Palmer & Johnson varato nel 2013, che la Guardia di Finanza gli ha sequestrato in Liguria. Mordashov, che nei tribunali europei ha impugnato le sanzioni delle EU, a maggio aveva detto alla TASS, l'agenzia di stampa statale russa: "Non ho assolutamente nulla a che fare con l'emergere dell'attuale tensione geopolitica e non capisco perché l'Europa mi abbia imposto sanzioni".

Il gigayacht Nord, sviluppato su 5 ponti, ha uno scafo in acciaio e sovrastruttura in alluminio, può accogliere fino a 36 ospiti e ha 58 membri d’equipaggio. Si calcola che solo mantenerla in vita perfettamente efficiente possa costare più di 100.000 euro al giorno. La barca di Alexei Mordashov è spinta da 4 motori MTU ciascuno da 5.846 HP, che le consentono una velocità di crociera di 15,0 kn e una velocità massima di 20,0 kn.

Il Dipartimento della Marina di Hong Kong ha detto non aver avuto informazioni su quando Nord riprenderà il mare, tantomeno per quale destinazione.

advertising
PREVIOS POST
Sailing Studio Race, charity a favore di LILT alla Barcolana
NEXT POST
Arca SGR lotta ma non riesce a difendere il Trofeo